in Sicilia Turismo e svago Lavoro Shopping Casa Auto e moto Sposi Myhome Annunci OkMail Feed RSS

www.guidasicilia.it

 
Questa testata aderisce all'ANSO

Agrigento  Caltanissetta  Catania  Enna  Messina  Palermo  Ragusa  Siracusa   Trapani  
ricerca
 
  guidasicilia web  
Aziende|Prodotti|Servizi
News Ambiente  -  Attualità  -  Cinema  -  Costume  -  Cronaca  -  Cultura  -  Dall'estero  -  Economia  -  Impegno civile e solidarietà  -  Lavoro  -  Musica e spettacolo  -  Politica  -  Scienza e tecnologia  -  Sport  -  Trasporti  -  Turismo  -  Ultim'ora

Cronaca


Terzo no di Bernardo Provenzano alle riprese televisive nel processo denominato ?Grande mandamento?



Condividi questo articolo su

Si è tenuta ieri la terza videoconferenza con il Bernardo Provenzano, rinchiuso nel carcere di massima sicurezza di Terni. Terza videoconferenza e terzo no alle riprese televisive della sua immagine. La richiesta, avanzata dal legale del superboss, Francesco Marasà, al presidente della terza sezione penale del Tribunale di Palermo Raimondo Loforti, è stata accolta dal collegio giudicante al termine di una breve camera di consiglio.
In jeans e felpa nera, Provenzano, prima dell'inizio dell'udienza, ha parlato per circa 10 minuti con il suo difensore.
Il processo, denominato "Grande mandamento", vede alla sbarra, oltre a Provenzano ovviamente, molti suoi fiancheggiatori.

A rappresentare l'accusa nel processo, che fa seguito alla grande operazione eseguita nel gennaio del 2005 e che ha portato all'arresto di 50 uomini d'onore, è il pm Michele Prestipino, che ha coordinato anche l'indagine per l'arresto di Provenzano.
Tra gli imputati spiccano il boss latitante Salvatore Lo Piccolo ma anche Niccolò Eucaliptus, il presunto boss di Bagheria che avrebbe aiutato Provenzano nella latitanza, e Antonio Morreale.
Tra le parti civili ci sono la Presidenza della Regione Siciliana ma anche la Provincia di Palermo, la Confesercenti, il Comune di Bagheria, la Legacoop, la Confcommercio e il Comune di Casteldaccia.

In questo processo, inoltre, per la prima volta dalla sua cattura Provenzano si troverà faccia a faccia con uno dei suoi più grandi accusatori, il suo ex braccio destro Antonino Giuffré, oggi collaboratore di giustizia. Giuffré, infatti, è stato citato dai pm della Dda di Palermo appunto nel "Grande mandamento".
Tra gli altri pentiti che verranno ascoltati ci sono poi Mario Cusimano, che ha parlato del viaggio a Marsiglia di Provenzano, l'ex presidente del consiglio comunale di Villabate (Pa) Francesco Campanella, l'ex 'ministro' del Tesoro di Cosa nostra Angelo Siino e Ciro Vara. Tra i testi, oltre agli investigatori che hanno arrestato Provenzano, figura anche il professor Giuseppe Novelli, il professionista che aveva rilevato il Dna del boss quando questi fu operato a Marsiglia.
La prossima udienza si terrà è il prossimo 17 maggio.

- Blitz contro il clan Provenzano (Guidasicilia.it, 25 Gennaio 2005)

10/05/06


Contatta la redazione Stampa questa pagina



I forum consigliati da Guida Sicilia
Le altre notizie in Cronaca


powered by S4U
prenota il tuo soggiorno in Sicilia Media Center ADNKronos segnalato da Virgilio
Invia ad un amico
Inizio pagina
Home

© 2002- S4U S.r.l. Socio Unico - Capitale Sociale € 10.000,00 Int. Vers. - N° REA 229125 - P.IVA 04999810825
Tutti i diritti riservati. All rights reserved
Chi siamo | Lavora con noi | Aspetti legali | Soluzioni Web | Publisicily | Pubblicità

info: info@guidasicilia.it marketing:marketing@guidasicilia.it redazione:redazione@guidasicilia.it pubblicità:pubblicita@guidasicilia.it

Segui Guidasicilia su Twitter Segui Guidasicilia su Twitter