"Migrazione di stili" di O’Tama Kiyohara

Tra le opere esposte, sono stati infatti restaurati ben 46 acquerelli, 6 cartoni (kinkawa-gami) e 18 tessuti

Quando
da venerdì 06 dicembre a lunedì 06 aprile 2020
-migrazione-di-stili-di-o-tama-kiyohara

Presso Palazzo dei Normanni (Piazza Indipendenza, 1 - Palermo) è in esposizione "Migrazione di stili" di O’Tama Kiyohara. La mostra rimette insieme i frammenti del lungimirante progetto di O’Tama Kiyohara e Vincenzo Ragusa, che cercarono invano di dare vita ad una scuola-museo. Tra le 101 opere esposte, sono stati infatti restaurati ben 46 acquerelli, 6 cartoni (kinkawa-gami) e 18 tessuti.
Orari - dal venerdì al lunedì dalle 8,15 alle 17,40 (ultimo biglietto ore 16,40). Domenica e festivi dalle 8,15 alle 13.00 (ultimo biglietto ore 12,00).

L’inedita mostra sull’artista giapponese che visse per 51 anni a Palermo, è organizzata della Fondazione Federico II, Col patrocinio dell’Ambasciata del Giappone in Italia. Dopo approfonditi studi la Fondazione ha ricostruito idealmente un complesso percorso iniziato nel 1882 quando l’artista, prima orientale a giungere in Europa, arrivò da Tokio con lo scultore palermitano Vincenzo Ragusa. NeLla Palermo di fine Ottocento O’Tama Kiyohara è stata pioniera di un percorso artistico, culturale e didattico votato al progresso e all’innovazione.

L’esposizione, che conta 101 opere, ha il merito di aver riunito finalmente i frammenti di quel lungimirante progetto, grazie al faticoso restauro di 46 acquerelli ikebana e botanici, 6 cartoni (kinkawa-gami) e 18 tessuti, sostenuto dalla Fondazione col Centro Regionale per il Restauro e il Corso di laurea in restauro dei Beni Culturali dell’Università di Palermo. In mostra anche 9 ceramiche, 14 bronzi, 2 ventagli e soprattutto il prezioso kimono dipinto a mano e ricamato con seta policroma e filo d’oro, che è stato collocato all’interno di una teca dedicata in Sala dei Vicerè. Non un’opera di O’Tama: fu suo marito, Vincenzo Ragusa, ad acquistarlo in Giappone per la sua collezione. Oggi torna a Palermo dopo oltre un secolo grazie al prestito concesso alla Fondazione Federico II dal “Museo delle Civiltà - Museo preistorico etnografico Luigi Pigorini”. 

Pittrice raffinatissima, O’Tama Kiyohara realizzò in effetti una sintesi artistica tra tecnica, eleganza stilistica e realismo, emblema del grande sogno condiviso con Vincenzo Ragusa di un percorso culturale in grado di dare vita ad una scuola-museo. Questo grande progetto, purtroppo, dovette infrangersi su uno stato di abbandono economico legato alla politica che non trovò soluzioni neppure tramite l’allora ministro di Grazia, Giustizia e dei Culti, Finocchiaro Aprile, ritrovando nella sua volontà di creare cultura sperimentale, una forma di crescita in merito a specializzazioni e divulgazioni di arte locale e internazionale. La mostra sarà aperta al pubblico dal 7 dicembre 2019 al 6 aprile 2020.

Biglietti - Intero € 7,00. Scolaresche in visita didattica € 2,00. Gratuito: bambini fino a 14 anni non compiuti se accompagnati da adulti e non in visita didattica

Info
www.federicosecondo.org

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia