Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

"Vite al Confino", a Cefalù un percorso artistico per raccontare una storia poco conosciuta

Una pièce teatrale e una mostra, per raccontare il confino di 45 omosessuali catanesi del 1939

-vite-al-confino-a-cefalu-un-percorso-artistico-per-raccontare-una-storia-poco-conosciuta
Quando
da lunedì 12 luglio a giovedì 12 agosto 2021

"Vite al confino" è un percorso artistico per raccontare il confino di 45 omosessuali catanesi nel 1939. Il 12 Giugno a Cefalù presso il Museo Mandralisca alle ore 18 l'inaugurazione dell'installazione di video e disegni dell'artista Pupi Fuschi.

Alle 19 presso il cortile interno del ristorante Galleria caffè letterario, la piece teatrale dell'attore Vincenzo Crivello accompagnato dai pupi della memoria di Angelo Sicilia e Giuseppe Quolantoni.
Visibile al pubblico, sempre presso lo spazio esterno della ristorante Galleria caffè letterario, la mostra fotografica "L'isola degli arrusi, 1939" di Luana Rigolli.

L'ingresso è gratuito.

Nei primi due mesi del 1939 quarantacinque omosessuali di Catania e di alcuni paesi della sua provincia furono arrestati e mandati al confino sull'isola di san Domino, nelle Tremiti. In tutta Italia sotto il Fascismo furono arrestati e mandati al confino centinaia di uomini la cui unica colpa era quella di essere omosessuale. Tra tutte le province italiane, Catania spiccò per la quantità di arresti: il Questore della città, tale Alfonso Molina, si mostrò molto scrupoloso e ligio nella sua “caccia” agli omosessuali.

L'attore Vincenzo Crivello nel 2000 scopre questa storia e durante il giorno della memoria il 27 gennaio 2021 durante una riflessione con l'artista Pupi Fuschi e il puparo Angelo Sicilia, immagina e propone un evento multiforme, un percorso tra recitazione, disegni, fotografie e parole per mettere in scena i fatti accaduti nel 1939.

Nasce così "Vite al confino", la rappresentazione della storia di tutti i pregiudizi di genere attraverso la storia di un gruppo di uomini gay vittime delle persecuzioni fasciste. Il racconto di una storia, recitata da Vincenzo Crivello, disegnata da Pupi Fuschi, fotografata da Luana Rigolli e animata dai pupi di Angelo Sicilia. L'evento è prodotto dal ristorante Galleria caffè letterario e si realizza grazie alla lungimiranza della direttrice del museo Mandralisca Laura Gattuso.

INFO GREEN PASS
Dal 6 agosto, ai sensi dell’articolo 3 del d.l. 23 luglio 2021 n. 105, l’accesso alle mostre sarà consentito secondo una di queste modalità:
1. Test molecolare o antigenico rapido negativo effettuato nelle 48 ore precedenti l'ingresso
2. Prima dose di vaccino
3. Ciclo vaccinale completo
4. Certificato che attesti di essere guariti dal covid-19 negli ultimi 6 mesi
Sono esenti i minori di 12 anni e coloro che abbiano una idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti con circolare del ministero della salute
Sarà obbligatorio munirsi di mascherina e rispettare il distanziamento sociale
Le mostre saranno realizzate nel rispetto delle vigenti disposizioni sanitarie: in assoluta sicurezza, posti numerati su pianta e biglietti nominali

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE