Graffiti, dei fotografi Ricardo Cases e Antonio M. Xoubanova

Gli studenti sono invitati a lavorare all’idea di un’interazione tra la fotografia e gli elementi trovati per strada

Quando
da sabato 14 luglio a domenica 15 luglio 2018
graffiti-dei-fotografi-ricardo-cases-e-antonio-m-xoubanova

Sabato 14 e domenica 15 luglio 2018 Door e Frontiera Studio presentano il workshop “Graffiti”, un laboratorio partecipativo, ideato dai fotografi spagnoli Ricardo Cases e Antonio M. Xoubanova. Lo scopo è quello di realizzare una reinterpretazione dei reperti cartacei e gli oggetti che si trovano per strada, nelle città dove si svolge il workshop. Gli studenti sono invitati a lavorare all’idea di un’interazione tra la fotografia e gli elementi trovati per strada e a produrre una mostra con i risultati ottenuti. La città viene dunque usata come una tela sulla quale dipingere così come fa chi realizza un graffito, nell’intento di lasciare un messaggio o modificare uno spazio. L’obiettivo è quello di realizzare una raccolta di documenti che se all’origine sono destinati a essere cestinati, in questo modo contribuiscono a creare un patrimonio del quotidiano. Potranno essere utilizzati annunci, carta per avvolgere il cibo, confezioni tridimensionali e altro ancora; gli oggetti saranno analizzati e lavorati attraverso tre assi: archeologico, fotografico e antropologico. Archeologia del presente Raccogliere segni di vita del presente e classificarli. Fotografico come conseguenza della raccolta e della classificazione, verranno prodotte delle immagini da stampare sugli stessi con lo scopo di riflettere sul dialogo tra l’oggetto e la fotografia. Antropologico Studio degli usi e costumi di una città attraverso la combinazione tra archeologia e fotografia. Struttura il laboratorio ha la durata di due giorni, il 14 e il 15 luglio 2018; dalle 10:00 alle 20:00 con pausa pranzo.  Si svolgerà negli spazi di Frontiera Studio a Palermo, in via Alloro 36.

La mostra dei lavori finali sarà allestita durante i due giorni e rimarrà in sede dal 16 al 31 luglio.
Nella stessa location, saranno esposti i lavori realizzati a Madrid, Milano e Palermo. Il workshop ha un costo di 200 euro a partecipante (per un massimo 20) e rientra all’interno della rassegna Outer Circle, un vasto programma di mostre, talk e laboratori che si svolgerà a Palermo durante la Biennale Europea Manifesta 2018. Obiettivo finale Lo scopo è quello di mettere insieme approcci complementari e personalità diverse per stimolare la fantasia e creare nuove chiavi di lettura di Palermo. L’obiettivo è quello di creare nuove sinergie, in primo luogo tra i partecipanti che potranno divertirsi mettendo in pratica nuove conoscenze, nuove idee, creando dei legami più intimi e personali con una città che sta attraversando un grande processo evolutivo. Si riuscirà a interpretare e tradurre il cambiamento e le sensazioni che scaturiscono dalla vita di tutti i giorni nel capoluogo siciliano?

BIO Ricardo Cases, nato in Spagna, ha conseguito una laurea in Scienze dell’Informazione presso l’Universidad del País Vasco, Bilbao (Spagna). Nel 2006 entra a far parte del Collettivo Blank Paper. Nel 2008 crea con la designer Natalia Troitiño “Fiesta Ediciones” e dal 2013 è membro della piattaforma AMPARO. Dal 2007 svolge la sua attività di insegnante presso l’Istituto Europeo di Design (Madrid, Spagna) e l’EFTI (Madrid, Spagna) e ha Insegnato presso la scuola Blank Paper di Madrid. Attualmente è rappresentato da La Fresh Gallery (Madrid, Spagna), la Galería Angeles Baños (Badajoz, Spagna) la Temple Gallery (Parigi, Francia), la Espace Jb (Ginevra, Svizzera) e la Dillon + Lee Gallery (New York, USA). Ha pubblicato i libri: Sol (Dalpine 2018), El Blanco (Dalpine 2016), El Porquè de las naranjas (Mack Book 2014), Paloma al aire (Photovision-Schaden-Dewi Lewis 2011), La caza del lobo congelado (Fiesta Ediciones 2009) e Belleza de barrio (Universidad de Extremadura 2008). È interessato a tutto ciò che ha a che vedere con l’umano e l’antropologico.

È alla continua ricerca di ciò che si nasconde dietro il banale e il kitsch della Spagna contemporanea. Antonio M. Xoubanova, nato in Spagna, ha ricevuto diversi premi e grant tra cui: il FotoPres’07 grant della Fundación la Caixa, per portare a termine il suo primo progetto M30, l’RCO’05 art fair, il primo premio nella diciottesima edizione del Renfe’s ‘Caminos De Hierro’ e un grant dalla Fundación Santa María de Albarracin. I suoi lavori sono stati pubblicati su DAZED, GEO, Herald Tribune, New York Times, PDN, El Semanal,Yo Dona, e ha collaborato in maniera continuativa con il periodico El Mundo, mentre lavorava ai suoi progetti personali M30 e Casa de Campo. Ha Insegnato presso la scuola Blank Paper di Madrid e lavora come curatore presso La Irreal Gallery in collaborazione con María Serrano. Le sue immagini sono state esposte presso la CaixaForum di Barcelona, la Galería Olido a São Paulo, il Centro Cultural Conde Duque di Madrid e in numerosi festival internazionali come la Jornadas de Fotografía di Albarracín, Traffic a Barcelona, ECO, SevillaFoto e PHotoEspaña. Nel febbraio del 2013 ha pubblicato il suo primo libro Casa de Campo, con la casa editrice MACK. Questo progetto è stato esposto alla Brachfeld Gallery di Paris nel marzo del 2013 e a Madrid nella mostra ‘Cityscapes’, con Joel Sternfeld, Jane Campion, Txema Salvans and Guy Tillim (Aprile-Settembre 2013). Il suo ultimo lavoro “Un universo pequeño”, ultimo capitolo di una trilogia su Madrid, è stato pubblicato da Ca l’Isidret Ediciones. Antonio è stato nominato nel 2013 per l’Henri Cartier-Bresson International Award.


Info
www.doitoriginalorrenounce.it
www.frontierastudio.com
educational@doitoriginalorrenounce.it 

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia