Pablo Echaurren - Soft Wall

La "beauté est dans la rue", slogan del maggio francese, può essere considerato il concept della mostra

Quando
da lunedì 20 novembre a domenica 14 gennaio 2018
pablo-echaurren-soft-wall

"That's wall, Folks!" Acrilico su tela, 160 x 240 cm, 2016. Collezione Fondazione Roma. Foto: © Giuseppe Schiavinotto

Presso Palazzo Platamone – Palazzo della Cultura (Via Vittorio Emanuele II - Catania) è in esposizione Pablo Echaurren Soft Wall. Mostra promossa e realizzata dalla Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo con il Comune di Catania - Assessorato ai Saperi e Bellezza Condivisa, a cura di Francesca Mezzano.

Orari - dal martedì alla domenica dalle ore 10.00 alle ore 19.00. Chiuso il lunedì. Ingresso gratuito.

«La beauté est dans la rue», slogan del maggio francese, può essere considerato il concept della mostra che, pur attraversando un percorso cronologico di tre decenni, non è una antologica bensì una rassegna a tema, incentrata sul costante dialogo che Pablo Echaurren intrattiene con le espressioni della comunicazione, percorrendo le vie di una ricerca tesa ad abbattere le separazioni culturali e allargare così le pareti dell’estetico oltre i confini istituzionali. Certe modalità espressive  da graffitismo metropolitano, l’utilizzo vivace dei colori, l’arte come mezzo diretto di (contro) informazione, quel non distinguere tra l’alto e il basso sono elementi che anticipano la diffusione dell’odierna, cosiddetta street-art, e dunque consentono di considerare Pablo Echaurren un precursore del genere. La mostra prende le mosse con un ciclo di lavori realizzati tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio dei Novanta, in cui irrompe la storia contemporanea con la fine della Guerra Fredda. In queste opere, che ricordano la comunicazione iconografica del muro di Berlino, emerge uno scenario di graffiti metropolitani, cancellazioni di scritte, reperti fumettistici, emblemi e figurazioni allegoriche d’ascendenza medioevale, linguaggi e segni stereotipati del nostro sistema comunicante.

Pablo Echaurren: Occupy Biennale, Collage, 39 x 56 cm, 2013. Collezione privata. Foto: © Massimiliano Ruta

Una sezione è dedicata ai collage prodotti negli anni Novanta. Lo shock percettivo procurato dalla grande città viene raffigurato in queste sintesi visive del paesaggio urbano basate sul montaggio di manifesti strappati, annunci, insegne, titoli, segnaletica allarmante, che rendono il senso della percezione simultanea. La comunicazione murale compare anche nella produzione più recente, le “pitture muro contro muro” con il loro inedito alfabeto simbolico di scritte murali cancellate, icastiche rappresentazioni di un mondo fatto di contrapposizioni, di opposte fazioni che si sovrappongono l’una all’altra. A queste opere fanno da contraltare alcuni quadri sul sistema dell’arte e le sue aggressive strategie planetarie, che ancora una volta testimoniano l’esigenza di dar forma a quella tensione critica e sociale, intellettualmente lucida, tipica della ricerca dell’artista.
Spiega Francesca Mezzano, curatrice della mostra: «L’arte di Pablo Echaurren nasce per parlare alla collettività. Lo fa senza steccati, sperimentando ogni forma espressiva possibile; usa il segno, la scritta, lo stencil, il lettering, la parola come linguaggio comune, annullando qualsiasi distinzione tra alto e basso, alla costante ricerca di una sintonia con la storia presente, con i suoi problemi, e le sue criticità nascoste allo sguardo comune. E lo fa esprimendosi sempre attraverso un immaginario vivo e incandescente, che possa tradurre un’istanza politica e morale in arte. Quella che lo stesso Pablo ha definito “la questione murale”. ».

Pablo Echaurren - Nasce a Roma nel 1951. Inizia a dipingere a diciotto anni e, tramite Gianfranco Baruchello, viene scoperto dal critico e gallerista Arturo Schwarz che fa conoscere il suo lavoro in Italia e all’estero. Tra il 1971 e il 1975 espone a Berlino, Basilea, Filadelfia, Zurigo, New York, Bruxelles e nel 1975 è invitato alla Biennale di Parigi. Il suo esordio avviene all’insegna di un minimalismo, di una concettualità e di un’antipittoricità alternativi all’idea di opera d’arte come feticcio. Questa è la direzione in cui l’artista si è mosso da allora, sempre alla ricerca di nuovi linguaggi e nuove forme di espressione, senza mai adagiarsi sul già fatto. Non solo pittore, si è impegnato in un’intensa attività applicata, realizzando illustrazioni, manifesti e copertine, tra cui quella del best seller Porci con le ali, nonché "metafumetti" che indagano sul possibile rapporto tra avanguardia e arte popolare, cercando quel necessario e fecondo cortocircuito tra alto e basso, tra cultura e leggerezza, in sintonia con l’ideale di un’arte diffusa. La sua creatività si è sviluppata anche nel campo scrittura, pubblicando romanzi e pamphlet sul mondo dell’arte.

Dopo il Duemila, la sua poliedrica produzione è stata presentata in alcune esposizioni personali: 
- Pablo Echaurren. Dagli anni settanta a oggi (Chiostro del Bramante, Roma 2004);
- Pablo Echaurren a Siena (Palazzo Pubblico, Siena 2008); 
- Crhomo Sapiens (Museo della Fondazione Roma, Palazzo Cipolla, Roma 2010-2011); 
- Lasciare il segno (MAR, Ravenna 2011); 
- Al ritmo dei Ramones (Auditorium Parco della Musica, Roma 2006); 
- L’invenzione del basso (Auditorium Parco della Musica, Roma 2009); 
- Baroque’n’Roll (MACRO, Roma 2011); 
- Matta: Roberto Sebastian Matta, Gordon Matta-Clark, Pablo Echaurren (Fondazione Querini Stampalia, Venezia 2013); 
- Iconoclast (Estorick Collection of Modern Italian Art, Londra 2014); 
- Contropittura (Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, Roma 2015-2016);
- Make Art Not Money (Museo Nacional de Bellas Artes, Santiago del Cile 2016);
- Du champ magnétique (Scala Contarini del Bovolo, Venezia 2017).

Informazioni
Tel. 091 7657621
www.fondazioneterzopilastromediterraneo.it
www.studioesseci.net

Le opere nella photogallery
- "Sticky City", Collage, 35 x 50 cm, 2017. Collezione privata. Foto: © Massimiliano Ruta
- "Voglio fare una scritta", Acrilico su tela, 160 x 240 cm, 2012. Fondazione Echaurren Salaris, Roma. Foto: © Massimiliano Ruta
- "Combat painting 7", Acrilico su tela, 160 x 240 cm, 2014.Fondazione Echaurren Salaris, Roma. Foto: © Massimiliano Ruta
- "Voi siete qui", Acrilico su tela, 100 x180 cm, 1989. Fondazione Echaurren Salaris, Roma. Foto: © Massimiliano Ruta

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia