Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Terrasanta, acquerelli di Antonio Monroy e le fotografie di Daniele Ratti

Viaggio immaginario di un principe pellegrino

Quando
da domenica 27 giugno a domenica 26 settembre 2021

Fino al 26 Settembre all'Orto Botanico dell'Università di Palermo, Padiglione Tineo, è in esposizione Terrasanta, viaggio immaginario di un principe pellegrino, acquarelli di Antonio Monroy e foto di Daniele Ratti. A cura di Maria Chiara Di Trapani​. 

Date e Orari - fino al 26 settembre 2021, da Lunedì a Sabato 9 -19. Domenica 10 -19. Ingresso compreso nel biglietto di accesso all’Orto.

Gattopardi eccentrici. Tra loro, il nobile Ferdinando Monroy, principe di Pandolfina e conte di Ranchibile, tra i più antichi casati dell’isola, giunto in Sicilia al seguito delle corti spagnole. Siamo nella Sicilia dell’Ottocento, Don Ferdinando ha fatto un voto per grazia ricevuta, vuole raggiungere a piedi la Terrasanta. Ma il nobile signore ha anche deciso di non muoversi da Palermo: fa il conto esatto dei chilometri che lo separano da Gerusalemme e decide di coprire la medesima distanza senza varcare i confini della sua tenuta. 

Seguito dal fido cameriere Felicetto (che tiene il conto dei passi) e dal suo cane, camminerà in tondo nel suo giardino per un anno e mezzo (500 giorni esatti) coprendo i 3815 chilometri necessari. Una leggenda, certo, un racconto surreale con innumerevoli varianti, che Roberto Alajmo ha tratteggiato nel suo “Repertorio pazzi della città di Palermo”. Ma la storia continua: un discendente del principe di Pandolfina, Antonio Monroy, sceneggiatore e scenografo, esperto di cultura indiana, ha deciso di ripercorrere il viaggio dell’antenato in un film, per il quale ha dipinto una serie di acquerelli.

Il suo lavoro si è unito a quello del fotografo torinese Daniele Ratti che, affascinato dalla figura di don Ferdinando, decide di ripercorrere le distanze del viaggio surreale in un itinerario visivo della durata di 24 ore. Tutto questo è diventato una mostra straordinaria.

TERRASANTA - Viaggio immaginario di un principe pellegrino, costruita in collaborazione con Unipa e con il supporto di CoopCulture, accoglie il lavoro visionario di Antonio Monroy (discendente del principe per titoli e capacità immaginifica) sviluppato in un tempo lungo oltre 10 anni, tra viaggi, incontri, appunti visivi, interviste e studi preparatori per lo storyboard di un film sulle tracce del suo antenato. 

Monroy realizza una serie di acquerelli densi di significati simbolici, carichi di dettagli che sfuma abilmente con il pennello come fossero ricordi appena sognati. Chi osserva condivide con lui l'esperienza di un grand tour intellettuale e spirituale tra la Sicilia e la Terrasanta. Appaiono piccole figure umane sullo sfondo di vasti panorami, tra architetture di dimore aristocratiche e alberi secolari che svettano tra fitte macchie verdi, e ricadono tra le pieghe di misteriosi Mandala che Monroy lega ai suoi studi sull’India.

Monroy stende un’aura su ogni soggetto ritratto, creando opere da cui si irradia una magia ipnotica, calda e misteriosa, fuori dal tempo. Una fascinazione nostalgica conduce fino all'alba dorata, che accoglierà il pellegrino giunto a Gerusalemme. Una vera epifania che si scioglie negli scatti di Daniele Ratti. Un incontro artistico nato per caso: il fotografo torinese, affascinato dalla storia del principe di Pandolfina, conosciuta attraverso gli acquerelli di Antonio Monroy, documenta il ritmo lento di un giorno, muovendosi tra le mura di un antica villa al centro di Palermo, dall'alba al crepuscolo quando il sole lascia spazio alla luce soffusa della luna su una notte serena, fino all'arrivo dell'ora blu che annuncia un nuovo mattino luminoso e terso.

Si allontana dai segni lasciati dall'uomo nello spazio, per immergersi in un cammino che ha per protagonista la natura. Costantinopoli, Nazareth, il Santo Sepolcro diventano tappe immaginarie raccontate attraverso la vegetazione di maestosi Ficus Benjamina, pale di fichi d'india, lecci, acacie, agavi, un labirinto di siepi di acanto, piante tropicali e una vasta gamma di palme. L'obiettivo ritrova la città di Aleppo nel giardino d'inverno dai vetri in frantumi, coglie i raggi del sole aprirsi tra le fronde, fa una pausa sotto un Ficus Magnolioides ad Alessandropoli. Sorge il sole. Il sogno e la visione diventano catarsi. Attraverso le opere dei due artisti, il pubblico avrà occasione di osservare il mondo con gli occhi del principe, condividendone un senso infinito di libertà esistenziale, e si ritroverà all’interno dell'Orto botanico, un enorme giardino che potrebbe virtualmente essere proprio quello dell’eccentrico principe.  

PAGINA FACEBOOK DELL'ORTO BOTANICO

INFO GREEN PASS

Dal 6 agosto, ai sensi dell’articolo 3 del d.l. 23 luglio 2021 n. 105, l’accesso alle mostre sarà consentito secondo una di queste modalità:
1. Test molecolare o antigenico rapido negativo effettuato nelle 48 ore precedenti l'ingresso
2. Prima dose di vaccino
3. Ciclo vaccinale completo
4. Certificato che attesti di essere guariti dal covid-19 negli ultimi 6 mesi
Sono esenti i minori di 12 anni e coloro che abbiano una idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti con circolare del ministero della salute
Sarà obbligatorio munirsi di mascherina e rispettare il distanziamento sociale
Le mostre saranno realizzate nel rispetto delle vigenti disposizioni sanitarie: in assoluta sicurezza, posti numerati su pianta e biglietti nominali

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE