Verba Manent - "Che mai non posso distaccare"

Nella cornice del Teatro del Baglio di Villafrati, una rassegna di Teatro e Drammaturgia Contemporanei

Quando
da sabato 30 novembre a domenica 01 dicembre 2019
verba-manent-che-mai-non-posso-distaccare

Verba Manent: quattro spettacoli, un aperitivo sociale e un laboratorio teatrale: questa in sintesi la IV edizione della rassegna di teatro e drammaturgia contemporanei del Teatro del Baglio di Villafrati, che torna dal  27 ottobre al 30 novembre con quattro spettacoli, anticipati da un aperitivo sociale e da un laboratorio gratuito condotto dai Teatri Alchemici di Palermo, dal cui lavoro nascerà lo spettacolo in scena (9 novembre) in questo suggestivo spazio ricavato dall’antico granaio del Palazzo Filangeri (Via Alcide De Gasperi 78 - Villafrati). Senza contare la presenza del Progetto Amunì, nato con giovani di origini differenti.

Testi originali, differenti poetiche, generazioni a confronto e te­matiche profondamente legate alla contemporaneità: la sessualità, l’amore, la famiglia, la diversabilità, la corrispondenza fra le persone, la nostalgia dei luoghi. L’incontro, l’azione, le parole degli uomini, che apparentemente passano e “volano” ma che, in realtà, rimangono e danno nuovi frutti.

La presentazione è avvenuta al Teatro Biondo. Presenti: il direttore artistico, Valeria Sara Lo Bue; il presidente dell’Istituzione “Teatro Del Baglio”, Salvatore La Barbera; Giuseppe Provinzano, autore e regista dello spettacolo Volvèr; Luigi Rausa, coach dei giovani del Laboratorio Permanente “Amunì”, per i quali era presente una delle attrici,  Hajar Lahman

Quattro gli spettacoli, dicevamo, tutti serali (ore 21.15), di questo ancora una volta interessantissimo programma, dalle proposte forti e originali che portano la firma di Valeria Sara Lo Bue quale direttore artistico.

Programma
Sabato 30 Novembre e Domenica 1 Dicembre
Ore 21.15 - "Che mai non posso distaccare", con l’attesa produzione del Teatro del Baglio. Il titolo dello spettacolo porta la firma di Valeria Sara Lo Bue per quel che riguarda drammaturgia e regia. Aiuto regia: Enrico Lodovisi. In scena: Sofia Bavera, Andrea Bellini, Piera Bivona, Paola Bisulca, Emanuela Cuttitta, Enrico Lodovisi e Totò Sciulara, con gli allievi del laboratorio teatrale e del laboratorio di canto dello stesso Teatro del Baglio.

Un lavoro che nasce da una ricerca su lettere antiche e moderne, raccolte sul territorio, generosamente donate da persone amiche o reperite nel web e sui libri. Lettere d’amore, di soldati e di emigranti. Un viaggio fra storie di distanza e corrispondenza, distacco fisico e vicinanza spirituale fra esseri umani. La nostalgia dei luoghi lasciati, lo stupore della nuova vita, le paure e le speranze che nascono quando si è lontani da casa, o da chi si ama, intessono il testo di questo racconto collettivo. Un viaggio nel privato di gente comune, le cui storie somigliano a tante altre storie. Il progetto si realizza in collaborazione con il Museo delle Spartenze.

Biglietti
L’abbonamento a tutta la rassegna (4 spettacoli) ha il costo di € 18.00; biglietto singolo € 5.00.  Acquistabili presso il Teatro Del Baglio.

Info
Cell. 328 6218260
teatrodelabaglio.it

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia