Viaggio in Sicilia. Sette splendidi borghi per una straordinaria settimana

L’Isola raccontata attraverso piccole e ancora poco conosciute località, di ubriacante bellezza

30 agosto 2017
viaggio-in-sicilia-sette-splendidi-borghi-per-una-straordinaria-settimana

In quel fazzoletto di terra piegato a triangolo, posato esattamente al centro del Mediterraneo e che si chiama Sicilia, la bellezza è declinata in tutte le maniere conosciute. Un viaggio in macchina da una punta all’altra dell’Isola è un’esperienza incredibile: fuori dal finestrino, in poche ore, scorrono lidi da favola, selvaggi panorami di montagna, luminosi scenari mediterranei fino all’ombra nera dei vulcani.
Un percorso geografico variegato e sempre nuovo, e nello stesso tempo un viaggio nella Storia, tangibile nell’immenso patrimonio artistico, innestato in contesti naturali di straziante bellezza. Tutte le grandi civiltà del Mediterraneo hanno donato qualcosa all’isola: le vestigia medievali si alternano a preziose testimonianze della dominazione araba, ai templi della Grecia antica fino ai tanti lasciti del mondo romano.
Oggi vi raccontiamo questo straordinario patrimonio dell’Umanità attraverso sette dei suoi borghi più belli.

Le tappe del nostro itinerario

TappaCaccamo (Palermo)

In questa romantica borgata medievale, importanti chiese ricche di opere d’arte circondano come un diadema la gemma più preziosa, il castello. Arroccato sul Monte San Calogero, è uno dei castelli normanni meglio conservati in Sicilia e in tutt’Italia. Le sue mura severe e le torri sembrano un prolungamento verso il cielo della rupe rocciosa che funge da basamento. Non manca la leggenda sullo spettro di una suora, che si aggirerebbe disperata tra i locali del castello durante le notti di luna piena.

- Caccamo e il suo castello

TappaScopello (Trapani)

Questo antico borgo - che conta poco più di 100 abitanti - deriva il proprio nome dal greco scopelos che significa scoglio. La cosa non sorprende guardando il suo splendido litorale roccioso e i faraglioni che dominano il mare. Il luogo è idilliaco: un pugno di case, la piazzetta lastricata, una torre che sovrasta la verde vallata e la celebre tonnara, tra le più antiche di tutta la Sicilia. Da non perdere la visita alla Riserva naturale orientata dello Zingaro: il mare è da favola.

- Da Scopello a San Vito Lo Capo

TappaCaltabellotta (Agrigento)

Monte San Pellegrino, Monte Castello e la Rupe Gogàla sono i tre picchi che circondano Caltabellotta, situata in una posizione di grande impatto scenografico. La località ha origini antichissime, testimoniate dalle quattro necropoli attorno all’abitato e che risalgono all’età del bronzo. Tutta l’area è ricca di fascino, con le sue rupi rocciose, le grotte, la chiesa rupestre di S. Maria della Pietà, l’altare sacrificale al dio Kronos - utilizzato in età greca e romana per riti sacrificali - le rovine del castello e l’eremo di S. Pellegrino. Attorno, panorami strepitosi.

- Caltabellotta, Città della Pace

TappaSperlinga (Enna)

Un maestoso castello scolpito nella roccia e attorno decine di grotte, scavate in epoche remote, in cui sono state ricavate piccole abitazioni. Se vi piacciono i borghi rupestri, dove l’opera dell’uomo abbraccia quella della natura, passate da Sperlinga, nel cuore della Sicilia centrale.
Una curiosità: nel 1943, nei dintorni di questo borgo, il celebre fotoreporter Robert Capa scattò la foto che diventò un’icona nel mondo dello sbarco Alleato. L’immagine rappresenta un pastore che indica a un soldato americano la strada per Sperlinga...

- Il borgo rupestre di Sperlinga

TappaMarzamemi (Siracusa)

Siamo sul mare, a due passi da Pachino (quella del pomodoro ciliegino). Il borgo storico (location del film Sud di Gabriele Salvatores) ruota attorno alla Tonnara, che risale al tempo della dominazione araba. Marzemini è perfetta per una giornata romantica tra spiagge, tuffi e cenetta finale con spaghetti alla bottarga di tonno rosso e un trancio di pesce spada. Fate anche un’escursione fino a Capo Passero, dove s’incontrano i due mari, o all’Oasi Faunistica di Vendicari.

- Nell'estremo Sud della Sicilia

TappaCastelmola (Messina)

Avreste mai detto che la splendida Taormina ha una specie di acropoli che la guarda dall’alto? Si chiama appunto Castelmola ed è un borgo annidato su un cucuzzolo roccioso, quasi sospeso tra cielo e mare, a pochi passi dalla costa ionica. Ha conservato intatto il suo fascino medievale, che si mescola in una suggestiva alchimia col paesaggio mediterraneo, tra piante di Bougainvillea, agavi, pini marittimi e il profumo del mare. Prima di andarvene assaggiate un calice di vino alla mandorla.

- Mylai, inespugnabile fortezza

TappaSavoca (Messina)

Ricordate Michael Corleone (Al Pacino) quando, nel film Il Padrino, siede al Bar Vitelli e parla al padre di Apollonia per chiederla in sposa? Quel bar esiste davvero e si trova nello straordinario borgo di Savoca, giustamente uno dei più belli d’Italia, detto anche "paese delle sette facce". Incastonato sopra un colle roccioso, tra mandorli, uliveti e rigogliosi agrumeti, custodisce un prezioso patrimonio architettonico che comprende palazzi nobiliari dalle vecchie facciate scrostate, una sinagoga e alcune chiese. Se vi piace il macabro, visitate la cripta dei cappuccini, che ospita diverse mummie di religiosi e aristocratici, rivestiti con elegantissimi abiti d'epoca.

- Savoca, il paese dalle sette facce

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia