''Cavagrande del Cassibile''

Un paradiso a cielo aperto, nei secoli rifugio di numerose specie vegetali ed animali ma anche di antiche civiltà

08 ottobre 2003
Per chi ama fare trekking abbiamo il percorso per voi: nei pressi di Avola antica , da un magnifico belvedere, si può godere dello splendido scenario offerto da una  spettacolare gola naturale. Si tratta di una profonda incisione, scavata dal fiume Cassibile, lunga circa 10 km, in cui nel corso dei millenni, hanno trovato rifugio, oltre a numerose specie vegetali ed animali, anche varie civiltà, che in questa fortezza naturale hanno lasciato molte loro testimonianze. Le cave iblee hanno un’età di circa 50-80.000 anni, la loro formazione è dovuta alla solubilizzazione dell’acqua che nei millenni ha sciolto il calcare e al contributo dell’ultima glaciazione che 10-20.000 anni fa si manifestò con piogge di grande intensità che contribuirono ad erodere il terreno.
Una delle più grandi è proprio la Cava Grande formata dal fiume Cassibile.

Quest'ultima è la più profonda e impenetrabile, esplorata dall’uomo solo in alcune parti del suo sinuoso percorso. Cava grande del Cassibile è un grande canyon della lunghezza di circa 8 chilometri che raggiunge in alcuni punti la profondità di 250 metri. Il fiume che vi scorre, il Cassibile, prende origine in un’area con elevata piovosità nei pressi di Palazzolo Acreide, per sfociare poi a pochi chilometri da Avola. Una scalinata ricavata nella roccia, Scala Croce, immette all'interno della cava; la discesa, ripida, conduce sul greto del fiume Cassibile, da dove, seguendone il corso, si raggiunge un gruppo di laghetti. Il fondo valle è caratterizzato da una vegetazione a platani orientali, salici ed oleandri, che proteggono un fitto sottobosco ricco di piante lianose, equiseti, orchidee e biancospini. I bordi del fiume rappresentano l'habitat per la gallinella d'acqua, la rana, il rospo, il granchio di fiume e insetti. colorati.

Risalendo si può imboccare in direzione nord ovest un sentiero che corre lungo un acquedotto risalente agli inizi del secolo, che, incanalate le acque del fiume e  le convoglia a valle in un bacino. Qui domina la tipica vegetazione della macchia mediterranea a mirto e lentisco. Sul versante Nord della cava è ben visibile un grande antro, la "Grotta dei Briganti", all'interno del quale si trovano i resti di un antichissimo villaggio rupestre. Sopra il sentiero, su una parete sono presenti alcune tombe e una rete di cunicoli che collegano un sistema di grotte artificiali i Derli di Cava Grande. Il sentiero segue l'andamento naturale della parete, percorrendo una gola, "Fosso Calcagno", che si apre sull'altipiano. Il luogo è caratterizzato dalla presenza di donnole e volpi e di testuggini. Superato Fosso Calcagno troviamo, a causa dei numerosi incendi, soltanto piante erbacee.
Oltrepassato un breve tratto pianeggiante il percorso ridiscende per un tratto intagliato nella roccia.

Il paesaggio cambia continuamente. Abbiamo un susseguirsi di laghetti e cascate protetti da una fitta cintura di rovi è visibile nel fondovalle. Spesso si vedono volteggiare il gheppio e la poiana, che nidificano in queste gole assieme al corvo imperiale ed alla taccola. Superata una fitta macchia a rovi e spinaporci, il sentiero viene interrotto sulla sinistra da un'ampia trazzera che riporta sull'altipiano della campagna iblea. Qui si incontrano pascoli e antiche masserie e  la vegetazione predominante è la gariga, con le sue essenze profumate: il timo, il rosmarino e la salvia. Caratteristica anche la palma nana mentre non è rara la vipera. Si segue la strada sterrata poco più avanti si incrocia un'altra trazzera, è necessario proseguire a sinistra per raggiungere la strada provinciale n. 4 Avola - Manghisi. La si imbocca ancora a sinistra per ritornare al belvedere.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

08 ottobre 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia