"Culto e cultura - Itinerari di turismo religioso"

A Linguaglossa la presentazione di undici percorsi creati per un progetto di eccellenza

19 maggio 2017

Parlano di fede e devozione votiva. Hanno nomi antichi ed evocativi. Si estendono per decine ed anche centinaia di chilometri. I pellegrinaggi religiosi rappresentano un peculiare segmento del turismo e la nostra Isola vanta un’antica tradizione che merita una mirata promozione e una commercializzazione, da attuare con criteri innovativi. È in questa direzione che va il progetto di eccellenza "Culto e cultura - Itinerari di turismo religioso", finanziato dal Mibact-Ministero dei Beni ed Attività Culturali e del Turismo e dall’Assessorato Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Siciliana, in partenariato con l’Assessorato Turismo della Regione Calabria.
Sono stati individuati undici percorsi che saranno presentati domani, sabato 20 maggio, alle ore 10 a Linguaglossa, presso Casa San Tommaso, dall’Assessore regionale del Turismo Anthony Barbagallo, che così sintetizza la valenza dell’iniziativa: «La compartecipazione e la sinergia sono parte integrante di questo articolato progetto di eccellenza. Ne abbiamo colto lo spirito estendendolo ai soggetti finanziati, che sono tutti partenariati costituiti in media da circa 10/15 partner, tra enti locali, associazioni, imprese, tour operator, in maniera da contenere al proprio interno le professionalità occorrenti per la loro realizzazione: progettualità appunto, nonché formazione, ricettività e ristorazione, confezione pacchetti turistici e, non ultimo, commercializzazione, che rappresenta l’aspetto più innovativo dell’operazione».

L'incontro vuole offrire la panoramica complessiva del lavoro svolto dalle compagini progettuali. Interverranno: Giuseppe Intelisano, sindaco di Calatabiano, Rosa Maria Vecchio, sindaco di Linguaglossa, Salvatore Castorina, presidente di Casa San Tommaso, Adele Trovato, consulente per il Turismo sostenibile dell’Assessorato regionale Turismo, Cettino Bellia, presidente Gal Terre dell’Etna e Alcantara, Ilaria Nuccio, ricercatrice del Centro Studi Turistici di Firenze, Salvatore Cannizzaro del Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università di Catania.

«La scelta della località di Linguaglossa - spiega ancora l’assessore Barbagallo - è dettata dall'intenzione di rimarcare il concetto che il turismo religioso-escursionistico a piedi, in bicicletta, a cavallo è legato ai piccoli centri normalmente fuori dalle rotte interessate dai flussi turistici più rimarchevoli. Si tratta di segmenti turistici ancora oggi di nicchia, ma in forte espansione soprattutto nell'Europa continentale e nel NordItalia. E la Sicilia ha tutti i numeri per implementare questo filone».
Per il suo rilievo "Culto e cultura - Itinerari di turismo religioso" verrà infatti presentato alla Borsa del Turismo Religioso Internazionale che si svolgerà a Roma dal 21 al 23 giugno a Casa La Salle.

Gli undici percorsi rivelano indubbio fascino sul piano spirituale, culturale e paesaggistico, con esplicazioni tematiche variegate. Due progetti ("Magna Via francigena" di 240 chilometri e "Cammini francigeni delle Madonie" di ben 400 chilometri) consistono nella messa a sistema di veri e propri "cammini camminabili" con segnaletica, assistenza ai camminatori, ricettività (ostelli e B&B); gli altri nove sono proposte di viaggio alla scoperta di realtà artistiche e monumentali a carattere sacro ("Da Solunto ai monti Sicani", "Culti e culture negli Iblei"; "Sicilia Sacra Network", "Itinerari di fede: alla scoperta di Monreale e dintorni", "Dai Tindaridi alla Madonna nera; storie di fede e leggende sui Nebrodi", "I camminamenti del venerabile Principe di Palagonia"; "Il cammino di San Filippo"; "Gratia plena"; "Cammini francescani di Sicilia").

L'Assessorato regionale al Turismo ha già supportato e supporterà la promozione e la commercializzazione del prodotto turistico scaturente dalla realizzazione dei progetti attraverso la programmazione di giornate tematiche, workshop, presentazioni. Come l’organizzazione congiunta con la Regione Calabria della "Borsa del turismo religioso e delle aree protette", svoltasi il 20 ottobre 2016 presso il Santuario Sant'Antonio da Paola, dove gli operatori siciliani (sellers) hanno avuto incontri di commercializzazione con 62 operatori della domanda. O come l’educational tour lungo la direttrice tirrenica (Messina, Tindari, Cefalù, Palermo e Piana degli Albanesi) con 11 operatori della domanda a Cefalù. Di particolare rilievo il Buy Sicily in occasione del Travel Expo di Palermo (maggio 2017) con 30 operatori della domanda italiana ed estera.

Avviata inoltre, in regime di comarketing, un’importante produzione editoriale con la Casa editrice Terre di Mezzo che realizzerà due guide: "Magna Via Francigena - da Palermo ad Agrigento" (in uscita a settembre 2017) e "Via Francigena delle montagne - da Palermo a Messina lungo le Madonie, Nebrodi e Peloritani" (in uscita a gennaio 2018). Terre di Mezzo è infatti leader nella produzione di guide per i camminatori e l'inserimento nel catalogo costituisce un momento fondamentale per l'effettiva fruizione da parte dei camminatori dei percorsi sul territorio regionale.

19 maggio 2017

Ti potrebbero interessare anche