"Entro l'anno 700 licenziamenti"

I metalmeccanici del Petrolchimico contro il piano industriale che prevede 1.400 esuberi tra il 2012 e il 2014

04 gennaio 2012

AGGIORNAMENTO
I blocchi negli impianti della Isab nel Petrolchimico di Priolo saranno rimossi e domani i lavoratori delle ditte dell'indotto metalmeccanico rientreranno al lavoro dopo tre giorni di scioperi e mobilitazione. È il risultato dell'accordo raggiunto nel corso del vertice che si è tenuto in Confindustria a Siracusa tra i dirigenti del gruppo Erg-Lukoil, che controlla gli stabilimenti Isab, e i sindacati. L'azienda ha comunicato che riabiliterà i badge a un centinaio di operai, ai quali era stato bloccato tre giorni fa e che per protesta avevano fatto scattare i presidi prima alla Isab Sud e poi stamattina anche alla Isab Energy e alla Isab Nord. Le parti hanno concordato una serie di incontri in Confindustria per riprendere il confronto sugli appalti e gli investimenti nel Petrolchimico e sul piano industriale del gruppo Erg-Lukoil. "L'attenzione rimane alta - dice Tonino Recano della Fiom di Siracusa - Abbiamo di fronte una discussione complicata, durante la quale si affronterà il tema degli esuberi". I posti a rischio sarebbero circa 1.400 nei prossimi due anni.

-------------------------------------

Non si è fermata neanche oggi la protesta dei metalmeccanici nel Petrolchimico di Priolo (SR), dove centinaia di operai di aziende dell'indotto hanno presidiato i cancelli della Isab Sud, impianto controllato dalla joint venture tra il gruppo Erg e i russi di Lukoil.
La mobilitazione è scattata due giorni fa all'improvviso, quando un centinaio di operai, che si sono presentati agli ingressi dello stabilimento di raffinazione, ha scoperto di avere il badge disabilitato.
I sindacati hanno contestato la decisione di procedere alla disabilitazione dei tesserini nel pieno del confronto sul piano industriale che prevederebbe 1.400 esuberi tra il 2012 e il 2014 su un totale di 3.500 metalmeccanici, 700 dei quali già quest'anno. Fim, Fiom e Uilm hanno chiesto il ritiro del provvedimento e la ripresa della trattativa, "in assenza di risposte - hanno detto i sindacati - la protesta continuerà".
Gli operai questa mattina hanno esteso i blocchi anche negli altri due impianti del gruppo, alla Isab Energy e alla Isab Nord (ex Montedison).

I sindacati giudicano "arrogante e pregiudiziale" l'atteggiamento "con cui l'azienda continua a demolire assetti occupazionali di un comparto già fragile che, incastrato in un sistema d'appalti deregolamentato e irresponsabile, viene attraversato costantemente da una crescente mobilitazione".
"È necessario contrastare efficacemente il percorso di dismissione dell'Isab - sostengono i metalmeccanici di Siracusa - che rischia di punire ulteriormente cittadini-lavoratori che stanno già pagando, con il peso di una manovra iniqua e classista, il duro prezzo della crisi finanziaria". Per Fim Fiom e Uilm "la soluzione passa attraverso una seria politica industriale che affermi l'effettivo rilancio, in chiave ecosostenibile, dei processi produttivi e dell'occupazione. Occorre che l'Isab assuma l'impegno di concretizzare adeguati piani di manutenzione - concludono - indispensabili per mettere in sicurezza impianti che rischiano un pericoloso default tecnico, utilizzando programmi compatibili con il mantenimento dei livelli occupazionali, attenti alla sicurezza ambientale e alla giusta valorizzazione di professionalità".

[Informazioni tratte da Ansa, Lasiciliaweb.it, LiveSicilia.it]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

04 gennaio 2012

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia