"Il fatto non sussiste". Sette proscioglimenti in 3 villaggi ragusani

La vicenda mise in ginocchio le strutture ricettive, con gravi ripercussioni per i circa 400 dipendenti

19 giugno 2017
Il fatto non sussiste. Sette proscioglimenti in 3 villaggi ragusani

Si è chiuso con una sentenza di non luogo a procedere il procedimento penale risalente al 2013 che aveva coinvolto i villaggi turistici Baia Samuele e Marsa Siclà di Sampieri, e quello di Marispica. Gli indagati dalla magistratura furono sette e questo procedimento riguardava in particolare la struttura ricettiva ispicese. Il pubblico ministero aveva chiesto il rinvio a giudizio per tutti ma ora il gup ha deciso per il proscioglimento "perché il fatto non sussiste" e "non costituisce reato". L'indagine fu avviata dall'allora procura di Modica, in seguito alle ripetute segnalazioni di un degrado ambientale e marino, con preoccupazioni, diffuse nella collettività, per la sicurezza e la balneabilità delle acque, con particolare riferimento alla condizione dei luoghi, specie durante la stagione estiva.
Le ispezioni rilevarono la presenza di inquinamento che, sulla base della presunta provenienza delle tracce e del periodo di manifestazione del fenomeno (coincidente con il fine settimana, nel quale è notoriamente maggiore l'afflusso turistico), gli inquirenti ritennero imputabile ad un presunto sversamento indebito di rifiuti avente origine ad ovest dalla zona di rilevazione, e precisamente nel tratto di mare antistante il litorale ispicese. Ora per il gup nulla di tutto ciò, sulla base di quanto emerso nel corso del procedimento penale a porte chiuse. La vicenda mise in ginocchio le strutture ricettive, con gravi ripercussioni per i circa 400 dipendenti, come ricorda corrierediragusa.it.

19 giugno 2017

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia