Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine
 Cookie

"Il ministro Romano dovrebbe dimettersi"

Il presidente della Camera Fini, senza eufemismi: "Chiunque sia indagato, rinviato a giudizio o condannato in primo grado dovrebbe lasciare gli incarichi istituzionali ricoperti"

17 ottobre 2011

E' scontro tra il segretario del Pdl Angelino Alfano e il presidente della Camera Gianfranco Fini, per le dichiarazioni di quest'ultimo sul ministro dell'Agricoltura Saverio Romano.

Il presidente della Camera, parlando a Napoli ad una manifestazione di Futuro e Libertà, è andato all'attacco dell'esecutivo sottolineando le gravi mancanze del governo sui temi economici, sul rapporto con la Lega ("insulta in modo intollerabile ogni giorno il Sud e si tengono gli occhi chiusi, pur di continuare a governare") e sulla legalità: nel mirino il ministro delle politiche agricole, Saverio Romano, che secondo Fini dovrebbe dimettersi, essendo indagato "per reati particolarmente inquietanti".
"Chi ha una certa idea del centrodestra e della politica vorrebbe che, come in tutte le democrazie europee, per opportunità e non per colpevolezza accertata ci si dimettesse anche per reati molto meno inquietanti di quelli che lo riguardano", ha detto Fini. E ha ripetuto che, a suo avviso, chiunque sia indagato, rinviato a giudizio o condannato in primo grado dovrebbe lasciare gli incarichi istituzionali ricoperti. "Se si hanno responsabilità istituzionali e si rappresenta l'interesse generale occorre avere comportamenti trasparenti e al di sopra di ogni sospetto. La legge è uguale per tutti, non si può - come troppe volte è accaduto - dare l'impressione di una concezione della legge per la quale se si hanno mezzi, conoscenze e strumenti per piegarla a proprio vantaggio si può raggiungere tutto ciò che si desidera. Chi sbaglia deve pagare il conto con la società degli onesti".

A stretto giro è arrivata la replica dell'interessato: "Fini è un insolente. Ha capitanato una mozione di sfiducia nei miei confronti che è stata bocciata dal Parlamento. È il capo di un partito che approfitta del ruolo istituzionale, cosa che dovrebbe metterlo nelle condizioni di un impeachment vero e proprio. Si dimetta da presidente della Camera e un minuto dopo seguiranno le mie dimissioni; altrimenti il suo si rivela un'ulteriore aggressione nei miei confronti, nei confronti del governo e della maggioranza parlamentare".

Poi è arrivato l'intervento di Angelino Alfano che ha indicato il comportamento del presidente della Camera come un "vulnus grave". "Il vulnus istituzionale - ha detto il segretario del Pdl - era già evidente, ora siamo in presenza di una questione più grave per il futuro delle istituzioni repubblicane, in quanto questo comportamento può diventare un precedente che autorizza i futuri presidenti della Camera a emularlo. Di questo rischio è bene che siano consapevoli sia l'attuale maggioranza che l'opposizione che dice di avere tanto a cuore le istituzioni". "Le ultime dichiarazioni del presidente della Camera, cioè della terza carica dello Stato - ha proseguito Alfano -, sono davvero gravissime e intollerabili. Non si era mai verificato nella storia della Repubblica che una così alta funzione fosse piegata a scopi puramente elettorali e partitici. Così come non si era mai verificato che un presidente della Camera irridesse il partito e la maggioranza dell'Aula che presiede, definendola addirittura 'caricatura'. E non si era neppure mai verificato - ha aggiunto - che un presidente della Camera chiedesse le dimissioni del capo del Governo e di suoi componenti".

A Fini è arrivato il sostegno del vicepresidente di Fli, Italo Bocchino: "La dichiarazione di Angelino Alfano forse è stata scritta da altri a palazzo Grazioli perché è impensabile che un quarantenne che ha fatto il ministro e che vuole interpretare la politica del futuro usi questo tono verso il presidente della Camera. Alfano dovrebbe sapere che è diritto del Parlamento, da cui il governo dipende, criticare le scelte del governo e chiedere le dimissioni del capo del governo o di un ministro. Se questo spetta al parlamento e ai parlamentari spetta tanto più al presidente della Camera". "È Invece gravissimo che un'esponente della maggioranza attacchi la terza carica dello stato, che appena ieri è stata elogiata dal presidente della repubblica per come ha gestito gli ultimi critici passaggi parlamentari, mostrando l'imparzialità a cui è vincolata quando presiede Montecitorio", ha aggiunto. "Alfano si rassegni al fatto che Fini è un leader politico che ha il diritto di esprimersi e che a differenza di altri ha deciso di non avere un rapporto di sudditanza politica verso palazzo Grazioli. La verità è che il Pdl, dai sondaggi che tutti abbiamo letto, sa che l'attivismo di Fini ha fatto conquistare in pochi giorni due punti percentuali a Futuro e libertà e che circa il settanta per cento di questo consenso viene proprio da elettori delusi da Berlusconi e dal Pdl, che con l'avvento di Alfano non ha fatto registrare alcuna novità", ha concluso il vicepresidente di Fli.

[Informazioni tratte da ANSA, Adnkronos/Ign, Lasiciliaweb.it, Repubblica.it]

- "Rilevanti" intercettazioni (Guidasicilia.it, 15/10/11)

 

 

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

17 ottobre 2011
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia