''La tribuna di Antonello Gagini nella Cattedrale di Palermo''. Una mostra a Palazzo Fernandez

25 ottobre 2007

Sabato scorso è stata inaugurata a Palazzo Fernandez la mostra ''La Tribuna di Antonello Gagini nella Cattedrale di Palermo'', una mostra curata da Salvatore Rizzuti.
Nelle Sale di Palazzo Fernandez, sede storica dell'Accademia di Belle Arti di Palermo, si può ammirare la ricostruzione plastica della Tribuna di Antonello Gagini eretta nella Cattedrale di Palermo dal 1510 al 1574, e demolita durante la ristrutturazione della cattedrale dal 1781 al 1801.
In mostra 28 sculture in scala realizzate tra il 1998 ed il 2000 dagli studenti della Cattedra di Scultura, sotto la direzione di Rizzuti.

''Nel 1997 - spiega Rizzuti - nell'ambito del programma di ricerca della mia Cattedra, introdussi lo studio sugli scultori del Rinascimento in Sicilia. L'anno successivo si approdò, per ovvia conseguenza, alla Tribuna della Cattedrale di Palermo, massima opera di Antonello Gagini, verso la quale convogliai l'impegno di tutti i miei allievi, un impegno che si protrasse per due anni pieni. La finalità della mia ricerca è stata quella di fare acquisire agli allievi la coscienza della storia, riportando alla luce anche visivamente, l'originaria configurazione della Tribuna. Lo psedo-prototipo da noi realizzato vuole avere il solo scopo di fornire un piccolo contributo alla ricerca che studiosi più specialisti potranno portare avanti. E' ovvio, infatti, che la ricostruzione della Tribuna, soprattutto in mancanza di alcuni dati precisi, non può risultare del tutto veritiera, ma la puntigliosa descrizione dei cronisti del tempo ci ha aiutato nell'approssimazione più attendibile''.

Questa configurazione è stata basata sulla ricostruzione grafica fatta dallo studioso tedesco H. W. Kruft che dovette basarsi sulla stampa di A. Gramignani, unica testimonianza visiva della Tribuna in cui però mancano dei particolari. Da ciò nasce la difficoltà dello studio di ricostruzione, per il quale, Rizzuti rimanda a G. Di Marzo che nel 1884 scrisse ''I Gagini e la scultura in Sicilia nel secoli XV e XVI'', in cui si trova una descrizione dettagliata di come la Tribuna avrebbe dovuto configurarsi.
Il Plastico in mostra, suddiviso in otto settori assemblabili, misura cm 196,5 di larghezza x 112 di profondità x 254 di altezza; è realizzato in scala 1:10 ed è costituito da tavole in multistrato di pioppo per la struttura portante e gesso per gli elementi scultorei.

''Ogni opera è sempre contemporanea - dice Umberto De Paola, direttore dell'Accademia di Belle Arti di Palermo - e si compone di un insieme di altre opere, rinvii infiniti ad altre storie. In questo senso la ricostruzione della Tribuna del Gagini, è una ricostruzione archeologica per eccellenza perché è la ricostruzione di una struttura di elementi costitutivi ed espressivi ricca, fascinosa e storica. E se questo lavoro viene svolto nella sede più congeniale che è l'Accademia di Belle Arti, dentro l'attività di una Scuola, quella di Scultura di Toto Rizzuti, attento conoscitore, profondissimo cultore della scultura come denso senso dell'idea che si fa materia e si incarna nel volume e nella superficie, allora il compito cui si vota un'istituzione di formazione si fa alta cultura e realizzazione di un percorso didattico esemplare''.

La mostra si potrà visitare fino al 24 novembre 2007. L'ingresso è gratuito.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

25 ottobre 2007

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia