''Piazzolla Forever''. A Palermo un concerto di Richard Galliano a favore del Fondo per l'Ambiente Italiano

26 novembre 2005

Concerto straordinario a favore del FAI - Fondo per l'Ambiente Italiano
Richard Galliano in ''Piazzolla Forever''
Domenica 27 novembre 2005 - ore 21.00
Palermo, Teatro Massimo, Piazza Verdi


Costo dei biglietti: Platea: € 45,00 (aderenti FAI € 40,00);  Palchi Centrali: € 35,00 (aderenti FAI € 30,00)
Palchi Laterali: € 30,00 (aderenti FAI € 25,00) - Loggione numerato: € 15,00 (aderenti FAI € 10,00); Loggione non numerato: € 7,00 (aderenti FAI € 5,00)
Per informazioni e prenotazioni: biglietteria Teatro Massimo, numero verde 800655858 - telefono 091/6053555
Segreteria Regionale FAI Sicilia - telefono 091/6161010


Domenica 27 novembre al Teatro Massimo di Palermo, Richard Galliano si esibirà in un concerto straordinario a favore del FAI - Fondo per l'Ambiente Italiano, per sostenere la Fondazione nella sua attività di salvaguardia dello straordinario patrimonio culturale italiano.
Richard Galliano, grande virtuoso della fisarmonica e del bandaneon, sarà impegnato in un concerto impetuoso e ricco di emozioni, dedicato al repertorio del compositore argentino Astor Piazzola: una musica molto difficile da proporre che richiede una tecnica perfetta e allo stesso tempo senso del ritmo, della danza. dell'improvvisazione. Una performance musicale originale ricca di swing,  tango,  tradizione mediterranea, jazz e musica afro.
Un concerto estremamente vario, pensato dal FAI con lo scopo di coinvolgere un pubblico sempre più ampio ed eterogeneo. Assistere ai concerti del FAI significa non solo sostenere con il proprio contributo la Fondazione nel restaurare, conservare e custodire le proprietà aperte al pubblico, ma significa anche aderire alla sua filosofia: l'arte e l'amore per il bello come occasioni di incontro e di intenso coinvolgimento, di promozione della cultura per tutti e a tutti i livelli. Il ricavato del concerto verrà utilizzato per sostenere la gestione dei beni posti sotto la tutela del FAI.

Richard Galliano. Erede diretto di Astor Piazzola, Richard Galliano interpreta, compone e orchestra una musica derivata dal genere ''musette'', nella quale si mescolano in modo apparentemente casuale reminiscenze swing, marcati echi di tango grazie alla fondamentale lezione del grande maestro (con il quale Galliano ha approfondito sia il suo già notevolissimo bagaglio tecnico, sia gli studi armonici e di composizione, e con il quale ha anche inciso un fortunato CD), giri di valzer dei bistrot parigini, ballads di Bill Evans, improvvisazioni di Keith Jarrett e la lezione nera di Charlie Parker e John Coltrane. Il tutto con un compiaciuto gusto cromatico che riporta alla migliore tradizione francese da Couperin a Debussy e soprattutto a Ravel. Galliano, francese della Costa Azzurra ma di origini italiane, assurto in pochissimi anni ai vertici mondiali del jazz, é il principale artefice del rilancio a tutto campo della fisarmonica quale strumento dalle innumerevoli capacità espressive.
I grandi meriti di Galliano sono dunque l'originalità, l'avere saputo cioè sintetizzare tutte queste esperienze musicali in una nuova musica europea, fatta di improvvisazione jazzistica e di tradizione mediterranea, e l'avere consentito alla fisarmonica (nella sua variante francese a tasti, l'accordeon) ed al bandoneon di assurgere al ruolo di protagonisti nello scenario jazzistico contemporaneo; strumenti scomodi che hanno avuto sempre vita difficile nel jazz e nella musica colta.
La fisarmonica è stata relegata per decenni tra i ranghi della musica popolare più scadente. Ed è un peccato perché quel suo tipico colore di struggente malinconia si presterebbe magnificamente a disegnare le atmosfere del blues. Nelle mani di Galliano poi la popolare fisarmonica acquista ora la policromia di un'orchestra, ora il raccolto timbro di un intimismo di natura cameristica.

Le collaborazioni discografiche e concertistiche di Galliano sono molteplici: da Juliette Greco a Claude Nougaro, da Ron Carter (con il quale ha inciso lo splendido ''Panamanattan'') a Chet Baker, da Enrico Rava a Martial Solal, da Miroslav Vitous a Charlie Haden, da Trilok Gurtu al grande Astor Piazzolla cui ha dedicato uno splendido album.
Musicista dell'anno in Francia nel 1991, vincitore del premio "La Victorie de la Musique". Dal 1994 incide per l'etichetta francese Dreyfus. Si è esibito in solo e come ospite nel gruppo di Joe Zawinul a Umbria Jazz Winter 95 e Umbria Jazz 96 e poi nelle ultime due edizioni di U.J. Winter, prima in duo con Charlie Haden e poi con il New York Tango Quartet, suscitando in entrambi i casi, unanimi ed entusiastici consensi di pubblico e di critica. Ha partecipato a numerosi altri festival internazionali tra cui Antibes, Vienna, Houston, New York, Melbourne, Pechino, Shanghai. Ha partecipato a tre ultime edizioni del Montreal Jazz Festival: nel '97 da solo, nel '98 con cinque diversi progetti e nel '99 in trio con George Mraz e Al Foster. Ha vinto il premio ''La Victoire de la musique'' per il miglior disco Jazz 96 con ''New York Tango'' inciso con Bireli Lagrene, George Mraz e Al Foster. Con l'album ''Blow Up'' (in duo con Michel Portal) ha vinto il referendum della rivista italiana specializzata Musica Jazz nella categoria ''miglior disco internazionale'', ha di nuovo vinto il premio ''Victoria de la musique'' per il 1997 e il premio della critica ''Boris Vian'' 1997. Nel '99, con il disco ''French Touch'' ha vinto di nuovo il referendum di Musica Jazz nella categoria ''miglior disco internazionale''. Ha poi inciso ''Passatori'' con ''I solisti dell'ORT'', lo straordinario ensemble di musica classica di Firenze. Nell'autunno 2001 ha compiuto un lungo tour europeo con il suo gruppo ''americano'' con musicisti del calibro di Gil Goldstein, Mark Feldman, Scott Colley e Clarence Penn. Nel novembre 2001 è stato pubblicato il cd ''Face To Face'' per la Dreyfus inciso in duo con l'organista Eddy Louiss.
Dopo il lavoro in onore di Piazzolla, eseguito in settetto dal vivo al festival di Willisau ''Piazzolla Forever'', è uscito a febbraio 2005 per la Dreyfus il suo ultimo cd ''Ruby, My Dear'' in trio con Larry Grenadier al contrabbasso e Clarence Penn alla batteria.

-------------------------------------

Con il patrocinio e il contributo di Regione Siciliana, Assessorato Beni Culturali, Ambientali e Pubblica Istruzione Dipartimento beni Culturali, Ambientali e E.P. e il patrocinio di Città di Palermo, Capitale dell'Euromediterraneo.
Il FAI ringrazia la Fondazione Teatro Massimo per la preziosa collaborazione
.

www.fondoambiente.it

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

26 novembre 2005

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia