Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

''Ritorni di Memoria''. La nostra realtà non è ciò che ci è successo veramente ma il modo in cui lo ricordiamo

06 luglio 2005

La nostra realtà non è ciò che ci è successo veramente ma il modo in cui lo ricordiamo. (Louise De Salvo)

Ieri, martedì 5 luglio, al Kursaal Kalesa di Palermo, Gioia Timpanelli ed Edvige Giunta, scrittrici americane di origini siciliane, hanno incontrato il pubblico e con le persone presenti hanno parlato del loro modo di narrarsi.

Come si racconta chi ha vissuto l'esperienza della migrazione, dello sradicamento, della ricollocazione in un'altra terra, in un'altra lingua?
Come si raccontano le Siciliane d'America, le cosiddette minoranze, in un contesto postmoderno e globalizzato?
Quello ''scrivere con un accento'' riconoscibile, che ha richiamato l'attenzione della critica e degli ambienti artistico letterari statunitensi sulle peculiarità  della scrittura di queste autrici che si deve anche ad una speciale forma di consapevolezza femminile e ad una sensibilità critica riguardo alla propria identità etnica.

L'incontro è stato introdotto da Gisella Modica e coordinato da Eleonora Chiavetta, docente di Traduzione e Lingua Inglese all'Università degli Studi di Palermo, mentre Patrizia D'Antona ha letto alcuni passi dei testi delle due autrici.
All'incontro hanno inoltre partecipato: On. Francesco Scoma, Assessore al Lavoro Formazione Professionale ed Emigrazione della Regione Siciliana; Lucio Oieni, Responsabile della sezione Politiche Migratorie dell'Assessorato al Lavoro e all'Emigrazione - Direttore dell'Osservatorio Siciliani nel Mondo; Roberto Mazzarella, Direttore Ufficio Emigrazione del Se.R.E.S.; Gaetano Beltempo, presidente del C.R.A.S.E.S.

L'iniziativa fa parte del programma di attività culturali voluto dall'Assessorato al Lavoro, Formazione Professionale, Emigrazione ed Immigrazione della Regione Siciliana ed è stato organizzata dal CRASES e dal Se.R.E.S., due associazioni che si occupano da anni di politiche migratorie.
Il Se.R.E.S. (Segretariato Regionale Emigrazione Siciliana) è stato istituito nel 1972 dalla Conferenza Episcopale Siciliana con il compito di assicurare l'assistenza religiosa ai siciliani emigrati, rafforzandone il senso d'appartenenza ai valori religiosi e culturali di origine.  
Il CRASES (Centro Regionale Assistenza Solidarietà Emigrati Siciliani) dal 1970 opera in favore dei siciliani all'estero avendo particolare attenzione alle iniziative culturali: mostre fotografiche come quelle di Peppuccio Tornatore in Australia o quella di Ferdinando Scianna in Brasile mostrano l'impegno concreto al servizio delle comunità siciliane all'estero.  

Edvige Giunta e Gioia Timpanelli si fermeranno a Palermo qualche giorno. Il  7 luglio alle ore 18.30 presso il Parco letterario Tomasi di Lampedusa, in Vicolo della Neve, incontreranno chi volesse porre ulteriori domande e scambiare esperienze.
Gioia Timpanelli vive e lavora a New York. E' una tra le più famose storytellers nel mondo. Autrice di programmi televisivi premiati con due Emmy Award, nel '99 ha vinto l'American Book Award per il suo ''Sometime the Soul'' tradotto in italiano con il titolo ''De Anima Sicula'', pubblicato da Dario Flaccovio Editore.
Edvige Giunta, professore associato di Inglese alla New Jersey University, insegna memoir, una forma di scrittura che esplora le storie conservate nella mente. E' autrice di numerosi testi, tra cui ''The Milk of Almonds'' e del più recente ''Writing with an Accent: Contemporary Italian American Women Authors'' che descrive la filosofia delle autrici italo americane.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

06 luglio 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia