''Ritratto di Giovani'', rapporto dell’istituto Iard su carta, cm 20x28 su svariati fogli

15 giugno 2002
Il ricercatore Riccardo Grassi dell'istituto Iard a presentato alla Facoltà di Psicologia di Palermo un ritratto dei giovani italiani -ponendo l’attenzione su quelli del Sud-. Un ritratto che in generale porta questi elementi: istruiti ma disoccupati e molto attaccati alla famiglia.

Come primo tratteggio questo “rapporto sui giovani” utilizza la grafite del Lavoro: al Nord si comincia verso i 24 anni, al Sud intorno ai 30.
Se nell'Italia nord orientale le piccole aziende rubano cervelli alla scuola, dalle nostre parti i curriculum scoppiano di diplomi, lauree, master, corsi di perfezionamento.
I meridionali soffrono di scarse risorse linguistiche, pur avendo recuperato nelle conoscenze informatiche, inoltre non vogliono più emigrare per trovare lavoro, al contrario dei coetanei del NordEst.
Il 65 % dei giovani del Nord ha un lavoro stabile dipendente, a fronte del 38 % dei meridionali.

A rendere equilibrata la composizione, una generale sfiducia verso le istituzioni e, nelle Isole in particolare, nei confronti degli amministratori locali.

I tocchi finali e la cornice, che tutti  accomuna, sono i valori: al primo posto la famiglia, seguita dall'amore e dall'amicizia.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

15 giugno 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia