Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

"Scarti d'indagine per destabilizzare la Sicilia"

Il governatore della Sicilia Raffaele Lombardo indagato ma per sentito dire...

06 novembre 2010

"Scarti di indagine per destabilizzare la Sicilia" dice il presidente della Regione siciliana Raffaele Lombardo commentando le notizie sull'inchiesta della procura di Catania in cui è coinvolto.
"Siamo a novembre, il mese nel quale secondo vari esponenti della politica e non solo, si sarebbero dovute svolgere elezioni regionali anticipate - ha aggiunto - Era quindi prevedibile che tornassero alla carica quanti si sono adoperati, a vario titolo e con vari mezzi per abbattere Governo e Assemblea regionale siciliana, si tratti di parlamentari ideatori di improbabili leggi di decadenza del Presidente o di mozioni di sfiducia, di beneficiari di privilegi che qualche riforma regionale ha intaccato o dei loro ventriloqui".
"A dare la sveglia provvede - ha concluso Lombardo - certa stampa che, mollando la Rubacuori e il ruolo di portavoce delle escort, con tutto il rispetto per loro, assume quello di megafono di presunti boss e, rimestando scarti di indagini, non esita ad attenuare la portata del successo di magistratura e forze dell'ordine, pur di fare apparire principale accusato chi non è stato ritenuto passibile di iniziativa processuale alcuna".

Su Lombardo i boss parlano poco e per sentito dire... - "Dichiarazioni e intercettazioni che non assumono, in mancanza di fatti nuovi, la dignità di prove processuali anche se sullo sfondo sembra esserci un 'patto illecito con l'organizzazione mafiosa'". E' lo 'snodo' attorno al quale ruota l'inchiesta sul presidente Lombardo, secondo quanto emerge dagli atti depositati dalla Dda al Gip Luigi Barone che ha emesso l'ordinanza di custodia cautelare in carcere per 48 indagati dell'inchiesta Iblis. Anche gli stessi pentiti che ne parlano, scrivono i pm, "riferiscono in maniera laconica e sobria" sulle "poche notizie acquisite, per fortuito caso", sul governatore.
"Notizie frammentarie - osservano i magistrati - e non poteva essere così visto il ruolo non apicale dei dichiaranti, che sono però tutti convergenti nell'individuare in Raffaele Lombardo e nel fratello Angelo soggetti che avevano stretto un patto illecito con l'organizzazione mafiosa". L'aspetto giuridico verte sulla configurazione del reato di concorso esterno all'associazione mafiosa che la giurisprudenza, dopo la sentenza della Cassazione sul processo a Calogero Mannino, preveda sia basato su "prove certe e concretamente apprezzabili sul presunto sostegno politico-elettorale a Cosa Nostra". Non basta avere preso i voti, chiesti o meno, alla mafia, ma deve essere provato che il favore sia stato ricambiato con benefici certi per l'organizzazione criminale Agli atti dell'inchiesta però manca la "prova" del contatto diretto tra Lombardo e gli esponenti di Cosa nostra, che avevano delle "aspettative" dal Governatore, come le ha definite il procuratore Enzo D'Agata, che non sono maturate.
Lo stesso geologo Giovanni Barbagallo, che per l'accusa era la 'cerniera' tra Cosa nostra, imprenditori e politica, nell'interrogatorio di garanzia ha ammesso di conoscere il capo provinciale della mafia di Catania, Enzo Aiello, ma ha aggiunto che Angelo Lombardo, che aveva incontrato, era all'oscuro dei suoi rapporti con il boss. Anche i pentiti che parlano di Lombardo, citati agli atti dell'inchiesta, parlano de relato. Francesco Ercole Iacona, uomo d'onore di Cosa nostra Nissena, dice di avere saputo da un altro affiliato gelese, Maurizio La Rosa, che il presidente Lombardo "appoggiava" la loro organizzazione per "avere appalti nel Nisseno". La Rosa racconta ai magistrati di avere appreso le notizie da un'altra persona, Salvatore Seminara, che gli aveva riferito di avere partecipato a "una riunione con alcuni suoi amici, alla quale era presente anche Lombardo". L'ultimo pentito a verbale, Eugenio Sturiale, rivela di avere appreso da un affiliato della cosca Ercolano, Carmelo Santocono, che Angelo Lombardo "qualche tempo dopo le elezioni regionali del 2008 era stato sonoramente bastonato perché dopo avere sollecitato i voti dell'associazione Santapaola, promettendo agevolazioni di varia natura, non aveva mantenuto fede agli impegni presi".

[Informazioni tratte da Ansa, La Siciliaweb.it, LiveSicilia.it]

- Dall'operazione Iblis... (Guidasicilia.it, 04/11/10)

- Un nodo difficile da sciogliere (Guidasicilia.it, 05/11/10)

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

06 novembre 2010
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE