''Scarti di percorsi urbani''

Al Centro di culture contemporanee Zo la VI^ edizione del Festival Internazionale Mappe

22 settembre 2003

Dal 22 settembre al 4 ottobre 2003 avrà luogo a Catania la quarta edizione di Mappe, festival internazionale interdisciplinare ideato e organizzato dalla cooperativa Officine e sostenuto dal Comune di Catania. Il festival si svolgerà in diversi luoghi della città e presso i locali del Centro di culture contemporanee Zo.

Mappe è un progetto culturale sul tema della città, in cui il nucleo urbano diventa luogo di indagine e fonte di ricchezza culturale. Attraverso la progettazione di eventi artistici e spettacolari, si stimolano parallelamente riflessioni e spunti teorici sulla città contemporanea.
Con la realizzazione di eventi spettacolari, incontri, workshop e produzioni, il festival incentiva infatti un rapporto di scambio con il territorio, tracciando segni fecondi sul corpo della città, valorizzandone le risorse. 
La manifestazione ha già consolidato il suo ruolo nel panorama culturale internazionale ospitando nelle tre precedenti edizioni artisti e organizzazioni di fama internazionale: Mark Tompkins, Mouse on Mars, Zita Swoon/Les Ballets C. de la B., Men or Astromen ?, Societas Raffaello Sanzio, David Grubbs, Motus, June of 44, Opus, Fugazi, Mario Martone, Enzo Moscato, Franco Scaldati, Paul Garrin, Jem Cohen, Knowbotic Research, Glenn Friedman, Teatri del Vento, Geert Mull, Cheika Rimitti, Hugo Race, Videodance/Centre Pompidou, Transmediale, V2, Vooruit, etc.

Come nelle precedenti edizioni, anche quest’anno, una parola-chiave, "metafora" aperta a suggestioni e rimandi teorici, farà da filo conduttore per la scelta di tutti gli eventi.
Dopo aver indagato la città attraverso le metafore delle soglie, degli scavi e delle reti, questa edizione affronta la metafora degli scarti…, nella doppia accezione di rifiuto/risorsa. Si focalizzerà l’attenzione sulle aree abbandonate, dismesse dalla funzione originaria, che attraverso un attento lavoro di recupero si prefiggono di diventare risorse per la valorizzazione del territorio, determinando così uno scarto qualitativo rilevante.
Il festival opera (a partire dal tema prescelto per ogni edizione) un lavoro di mappatura su un doppio ambito geografico: in maniera preliminare sul territorio locale attraverso l’individuazione di un percorso sul quale progettare gli eventi relativi alla sezione itinerante Caminanti e sul territorio internazionale attraverso l’individuazione di aree urbane che presentano alcune peculiarità (geografiche, culturali, etc.) rapportabili al tema della manifestazione.

Il termine scarti, tema guida della presente edizione, suggerisce l’individuazione, nella nostra città, dell’area delle vecchie raffinerie di zolfo della città (ad esempio gli spazi della Raffineria Zanuccoli) come aree di intervento e luoghi della manifestazione; sul territorio internazionale sceglie invece la città di Lisbona, città simbolo di una rinascita culturale dove un lungimirante lavoro di recupero delle aree dismesse destinate a  progetti culturali ha determinato un notevole scarto qualitativo e d’immagine.
 
Il programma del festival Mappe spazia tra le diverse discipline delle arti e dello spettacolo, ed è suddiviso in quattro sezioni:
- Caminanti è la sezione itinerante che inaugura il festival e prevede una serie di eventi performativi, musicali e audiovisivi realizzati in alcune aree dismesse della città che presentano progetti di recupero per la realizzazione di nuovi progetti culturali. Gli eventi relativi a questa sezione si svolgeranno nell'area delle ex-raffinerie di zolfo (tra Via Scuto Costarelli, Via Indaco e Via Raffineria) e presso la Raffineria Zanuccoli, una delle ultime ancora in attività ma che ben presto, quando si trasferirà nel nuovo stabilimento, sarà riconvertita nell’ottica del rispetto/tutela del patrimonio di archeologia industriale. Tra gli artisti previsti all’interno della presente edizione: una serie di eventi performativi ed installativi mirati realizzati da dieci artisti catanesi coordinati dalla regista e coreografa Alessandra Fazzino, lo spettacolo Gente di Plastica della Compagnia Pippo Delbono (22 settembre) e il gruppo americano Black Heart Procession (23 settembre).
- Spazio Aperto è una sezione realizzata in collaborazione con l’IN/Arch Sicilia, il luogo degli incontri dedicato agli approfondimenti teorici legati al tema della singola edizione. E’ previsto un incontro, con due relatori (ancora da definire): dove il tema degli "scarti" verrà affrontato con un taglio  architettonico-urbanistico e  socio-antropologico.
- Focus Area è una sezione realizzata in collaborazione con l’AME (Associazione Musicale Etnea), e la partnership con la Fondazione Gulbenkian di Lisbona. L’area urbana sulla quale si focalizza l’attenzione di questa edizione è Lisbona, città simbolo di una rinascita culturale che, attraverso un attento lavoro di recupero dei suoi spazi, è diventata una vera e propria capitale europea della cultura. Lisbona sarà rappresentata da artisti, manifestazioni e strutture tra le più rappresentative del suo territorio. Tra gli artisti lusitani ospitati il chitarrista Rafael Toral  e la coreografa Vera Mantero. All’interno della sezione si darà spazio inoltre ad una selezione di videoarte curata dal critico Miguel Wandschneider e realizzata grazie al supporto della Fondazione Gulbenkian, una delle più prestigiose Istituzioni culturali del Portogallo. La parte musicale della sezione verrà integrata da alcuni eventi previsti all’interno del cartellone settembrino dell’Associazione Musicale Etnea (dedicato al Portogallo) che offre al festival Mappe una serata sulla scena avant jazz di Lisbona col quartetto di Sei Miguel e il duo Mota /Garcia il 28 settembre, il 29 settembre il duo di Carlos Zingaro e Paulo Raposo, il 30 settembre il gruppo Osso Exotico e il 3 ottobre il quartetto di Nuno Rebelo con Gianni Gebbia, Vera Mantero e Marco Franco.
-Visioni Urbane è dedicata a quelle produzioni relative alle arti elettroniche che indagano il territorio urbano e ne fanno luogo prescelto per una elaborazione poetica, ma anche espressiva e teorica. La sezione prevede la proiezione di una selezione di materiali audiovisivi di artisti di provenienza internazionale.


CALENDARIO

CAMINANTI

Lunedì 22 e martedì 23 settembre
Gli eventi della sezione Caminanti si svolgeranno nell'area delle ex-raffinerie di zolfo (tra Via Scuto Costarelli, Via Indaco e Via Raffineria) presso la Raffineria Zanuccoli, una delle ultime ancora in attività ma che ben presto, quando si trasferirà nel nuovo stabilimento, sarà riconvertita nell’ottica del rispetto/tutela del patrimonio di archeologia industriale.
Lunedì 22
Ore 21.00: percorso itinerante ingresso da Via Simeto
Ore 21.00: "Tu sei la regina" - Progetto, regia e coreografia di Alessandra Fazzino
Ore 22.30: "Gente di plastica" della Compagnia Pippo Delbono
Prenotazione obbligatoria - Raffineria Zanuccoli, Via Indaco 10
Martedì 23
Ore 21.00: Installazioni audio/video a cura di Tazio (> Space 1<), Mylicon/En (tiv'u d'inner) e Alfredo Sciuto (In Progress)
Raffineria Zanuccoli, Via Indaco, 6
Ore 22.30: Black Heart Procession - Concerto in esclusiva nazionale

VISIONI URBANE
Giovedì 25 settembre,ore 21.30
"Megacities - 12 Stories of Survival" di Michael Glawogger. Austria/Svizzera, 1998, 95', v.o. sott. it.
Selezione dal Lo Spazio Sospeso (1a parte) a cura di Aurora Fornuto
Zo-centro culture contemporanee

Venerdì 26 settembre, ore 21.30
"Les Glaneurs et la Glaneuse" di Agnès Varda. Francia, 2000, 79', v.o. sott. ingl
Selezione da Lo Spazio Sospeso (2a parte) a cura di Aurora Fornuto
Zo-centro culture contemporanee

SPAZIO APERTO
Venerdì 26 settembre, ore 19.00
SPAZIO APERTO è una sezione realizzata in collaborazione con l’IN/Arch Sicilia, il luogo degli incontri dedicato agli approfondimenti teorici legati al tema della singola edizione. E’ previsto un incontro con due relatori dove il tema degli “scarti” verrà affrontato con un taglio architettonico-urbanistico e socio-antropologico.
Incontro con Sebastiano Brandolini e Massimo Ilardi. Presentazione a cura di Franco Porto e Ignazio Lutri.
Zo centro culture contemporanee

FOCUS AREA
dal 27 settembre al 4 ottobre
Il programma della sezione dedicata al Portogallo di questa edizione di Mappe si intreccia con quello della Rassegna MDS dell’Associazione Musicale Etnea dedicato quest’anno alle musiche del paese lusitano.

Sabato 27 settembre, ore 21.15
Rafael Toral in "Harmonic Series"
Chitarra e analog modular system and computer generated  sinewaves
Zo Centro Culture Contemporanee Mappe Festival

Domenica 28 settembre, ore 21.15
Sei Miguel quartet (con Rafael Toral) + Manuel Mota e Margarina Garcia duo
Sei Miguel: pocket trumpet; Fala Mariam: alto trombone; César Burago: percussioni; Rafael Toral: theremin sinewaves
Zo-centro culture contemporanee MDS/Mappe Festival

Lunedì 29 settembre, ore 21,15
Carlos Zingaro e Paulo Raposo
Carlos Zingaro: violino ed elettronica; Paulo Rauposo: elaborazioni video in tempo reale
Zo-centro culture contemporanee - MDS/Mappe Festival

Martedì 30 settembre, ore 21.15
Osso Exótico in "Footfalls" (2003) da Samuel Beckett
André Maranha, luci, passi (fuori); David Maranha, armonium; Patrícia Machás, armonium
Zo centro culture contemporanee - MDS/Mappe Festival

Mercoledì 1 e Giovedì 2 ottobre, ore 21.30
Selezione di videoartisti portoghesi curata e presentata da Miguel Wandschneider.
Programma realizzato con il supporto della Fondazione Gulbenkian (Lisbona)
Zo centro culture contemporanee - Mappe Festival

Venerdì 3 ottobre, ore 21.15
"A mao rumorosa" testi tratti da Antonio Franco Alexandre e Ana Hatherly
Vera Mantero: voce; Nuno Rebelo: chitarra; Gianni Gebbia: sax e flauto; Marco Franco: batteria e sax soprano
Zo centro culture contemporanee MDS/Mappe Festival

Sabato 4 ottobre, ore 21.30
Tre soli, di Vera Mantero
Olympia - "one mysterious Thing, said the e.e.cummings" - Forse lei dovrebbe prima danzare e dopo pensare (solo improvvisato)
Prenotazione obbligatoria
Zo centro culture contemporanee Mappe Festival

Info e prenotazioni:
Zo centro culture contemporanee Piazzale Asia, 6 - Tel. 095.533871 

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

22 settembre 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia