''Se Italia vuol dire Impregilo'' - Kurdistan. La diga di Ilisu (II)

Una diga per l'egemonia

19 ottobre 2005

Ciò che più preoccupa del progetto sono tuttavia le sue rilevanti caratteristiche di discriminazione e marginalizzazione della popolazione kurda e le conseguenze militari in un'area che è al centro di gravi tensioni interne e internazionali. Con il megaprogetto la Turchia si assicura il totale controllo delle acque della Mesopotomia, impedendo l'accesso alle risorse idriche da parte di Siria e Iraq, con cui la Turchia ha già dichiarato di non voler negoziare un accordo per la gestione collettiva. Di contro l'acqua del Tigri e dell'Eufrate potrebbe essere deviata verso Israele, con cui la Turchia ha avviato importanti relazioni economiche, industriali e militari. Come denunciato dalla ''European Rivers Network'', la diga di Ilisu è ''un progetto politico motivato principalmente da interessi strategici del governo turco per rafforzare la propria posizione di potenza di fronte alla Siria e all'Iraq e per controllare l'area kurda''.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

19 ottobre 2005

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia