Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

30 anni fa, l'ultimo numero del Giornale L'Ora

Celebrati i 30 anni del glorioso giornale palermitano con l'inaugurazione di un cippo a Villa Bonanno

09 maggio 2022
30 anni fa, l'ultimo numero del Giornale L'Ora
  • Hai un'attività che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

Una doppia cerimonia quella che ieri, domenica 8 maggio 2022, ha visto Palermo rendere omaggio al Giornale "L'Ora", a 30 anni dall'ultimo numero di questa gloriosa e indimenticabile testata: a Villa Bonanno con la scopertura del cippo in memoria di tre generazioni di straordinari cronisti, Nino, Marcello e Nino Sofia, grandi firme del giornale, e con una festa animata da una straordinaria esibizione del Brass Group, organizzata sotto i portici di via Mariano Stabile, attigui alla sede storica de "L'Ora" dalla comunità di giornalisti de "L'Ora edizione straordinaria", che tiene viva con l'omonima pagina social la memoria del glorioso giornale".

Cippo in memoria di tre generazioni di cronisti - Nino, Marcello e Nino Sofia - del giornale L'Ora di Palermo. Villa Bonanno

Una mattinata di grandi emozioni alla quale erano presenti anche la moglie e i figli di Nino Sofia Jr., la sovrintendente ai BBCC, Selima Giuliano, e rappresentanti della Questura e della Prefettura di Palermo. All'incontro sotto i portici, reso possibile anche grazie al contributo organizzativo di alcuni imprenditori amici de "L'Ora", sono intervenuti Sergio Buonadonna, Claudia Mirto e l'ultimo vicedirettore Franco Nicastro.

Mentre il vicesindaco Fabio Giambrone, ha sottolineato come "L'Ora" sia stato e resti "un grande patrimonio comune della città di Palermo e della Sicilia intera", la consigliera comunale Valentina Chinnici lo definito "il giornale della nostra Resistenza, la cui storia va fatta conoscere nelle scuole, insieme al  coraggioso lavoro di denuncia e di lotta per la liberazione dalle mafie che ha condotto per decenni, pagando il suo impegno civile, oltre che con un attentato dinamitardo nella sua sede, anche con l'assassinio di tre suoi coraggiosi giornalisti, Mauro De Mauro, Giovanni Spampinato, Cosimo Cristina".

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

09 maggio 2022
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia