A Barcellona (ME) si apre la prima Università del Restauro aperta agli arabi

Il progetto è stato presentato di recente al Cairo

19 marzo 2003
Sarà realizzata in Sicilia, a Barcellona Pozzo di Gotto (Messina), la prima università del restauro, aperta a nove paesi arabi: Libia, Algeria, Tunisia, Marocco, Giordania, Siria, Libano, Egitto, Palestina.

Il progetto è stato presentato al Cairo dai membri italiani del Comitato permanente per la cooperazione, di cui fa parte il presidente della Regione Siciliana, Salvatore Cuffaro, che è intervenuto alla seduta del Parlamento della Repubblica Araba di Egitto.

L'assemblea del popolo egiziano ha in esame i contenuti del trattato con l'Unione Europea per la creazione della zona euromediterranea di libero scambio prevista per il 2010.

Prima dell'assisse Cuffaro ha incontrato Ahmed Fathi Sorour, presidente del Parlamento. Tra i temi affrontati, la cooperazione nel settore dei beni culturali.
L'obiettivo è quello di formare professionalità che possano contribuire, nei loro rispettivi paesi, al recupero del patrimonio artistico e monumentale.

Parlando del fenomeno della immigrazione clandestina, Cuffaro ha detto che l'unico modo per porre un freno allo sconfinamento dei popoli, che si traduce anche in ingressi illegali, è quello di aiutare il processo di sviluppo economico e sociale di quei paesi dove l'esodo è più forte.

Solo portando sviluppo e pace nelle aree del Sud del Mediterraneo si potrà fermare la fuga di quanti, anche a rischio della vita, inseguono una speranza di vita migliore.
Il presidente egiziano ha auspicato un'intensificazione degli scambi culturali ''nel solco della comune ed antica eredità classica''.

Fonte: ANSA

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

19 marzo 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia