A Gibellina la mostra War-Toys di Brian McCarty, per la prima volta in Italia

Il progetto del del fotografo statunitense al Festival Internazionale Gibellina Photo Road

26 luglio 2019
A Gibellina la mostra War-Toys di Brian McCarty, per la prima volta in Italia

Un filtro disarmante - quello del gioco - per parlare degli orrori della guerra. L'inedito approccio sta alla base delle potenti immagini di War-Toys, il progetto del fotografo statunitense Brian McCarty avviato nel 2011 che lo ha portato in Iraq, Siria, Libano, Israele, Cisgiordania e la Striscia di Gaza e che si potrà vedere per la prima volta in Italia al Festival Internazionale PhotoRoad di Gibellina.

War-Toys, Brian McCarty

Nelle immagini di War-Toys in mostra è presentato il frutto del lavoro del fotografo assieme all'art therapist libanese Myra Saad con i bambini in fuga da Mosul condotto nei centri protetti per l'infanzia allestiti da Terre des Hommes nei campi profughi del Kurdistan iracheno tra il 2017 e il 2018.

Durante le sessioni di arteterapia i bambini, dagli 8 ai 12 anni, venivano accompagnati in un percorso di elaborazione del trauma che permette di raccogliere e articolare i loro ricordi di guerra in modo sicuro, e poterli descrivere nei loro disegni. Successivamente il fotografo si è recato nei luoghi dove sono avvenuti gli avvenimenti descritti dai disegni (ove possibile) e li ha ricreati usando personaggi e armi giocattolo, tutti trovati localmente.

I pannelli in mostra al PhotoRoad accostano le foto ai disegni a cui sono ispirati. La mostra verrà allestita su uno scuolabus del Comune di Gibellina.

Per altre informazioni sul progetto War-Toys: wartoysproject.com

www.gibellinaphotoroad.it

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

26 luglio 2019

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia