A Palermo, ad esempio, il ministero dell'Interno...

Le idee del ministro Calderoli sull'ipotesi del decentramento dei ministeri

16 settembre 2010

Il ministero dell'Interno a Palermo o a Reggio Calabria, quello dell'Ambiente a Napoli, quello dell'Economia a Milano o quello dello Sviluppo a Torino. Sono gli "esempi" citati dal ministro della Semplificazione Roberto Calderoli che ieri in Aula alla Camera ha risposto a una interrogazione dell'Udc sull'ipotesi di decentramento dei ministeri avanzata da lui e da Bossi durante dei comizi.
Una posizione che, ha tenuto a specificare Calderoli, è stata avanzata a titolo personale e da esponente della Lega e non da ministro visto anche il contesto in cui è emersa ("io ho parlato da coordinatore delle segreterie della Lega, Bossi da segretario: nessuno dei due ha parlato in qualità di ministro").
"Se il gruppo parlamentare della Lega Nord - argomenta Calderoli - farà una sua iniziativa o se ci sarà una proposta di iniziativa popolare in questo senso, quando la proposta arriverà in questa sede verrà valutata e il governo si esprimerà".
Ma, a titolo personale, Calderoli spiega di ritenere giusto che i ministeri siano collocati nella sede più adatta dal punto di vista territoriale: "il ministero dell'Interno a Palermo piuttosto che a Reggio Calabria - ha detto - a Napoli quello dell'Ambiente, quello dell'Economia a Milano, quello dello Sviluppo Economico a Torino. Sono solo esempi ma penso che correttamente l'Aula possa valutare questa opportunità e su questo si esprimerà l'Assemblea". [ANSA]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

16 settembre 2010

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia