A "scuola" di ponte: dopo i cinesi, gli olandesi

Il ponte (che ancora non c'è) sembra che piaccia anche agli ingegneri e agli architetti olandesi

23 settembre 2011

Dopo i cinesi, in riva allo Stretto arrivano gli olandesi. L'idea del ponte piace anche a loro e così ieri mattina una delegazione di ingegneri ed architetti accompagnata dal deputato di Utrecht Johannes Binnekamp e dal sindaco di Geldermalsen Steven Wouter van Schaijck, si è incontrata con i rappresentanti della "Stretto di Messina", la società costituita 20 anni fa per progettare, realizzare e gestire la mega opera e che dall'1 ottobre del 2007 è una controllata dall'Anas, che possiede l'81,848% del capitale sociale.
Scopo dell'incontro, farsi un'idea delle competenze italiane rispetto alla progettazione ed alla realizzazione di un'infrastruttura del genere.
La visita degli olandesi a Messina ha seguito quella della delegazione cinese, composta dai rappresentati dei dicasteri dei Trasporti, delle Ferrovie, del Commercio e dell'Istituto per la pianificazione e ricerca dei trasporti. Anche in questo caso, il confronto è servito a misurare le competenze e le conoscenze reciproche rispetto ad un'opera analoga che si sta realizzando in Cina, il ponte dello Stretto di Qiongzhou. Infrastruttura voluta dal governo centrale per portare l'alta velocità ferroviaria dal Continente all'isola di Hainan, che è un importante centro economico e turistico della Cina meridionale (LEGGI).

Intanto le polemiche rispetto alle cosiddette opere compensative connesse all’infrastruttura adesso toccano anche il PDL. Non a caso, nei giorni scorsi Enzo Garofalo, coordinatore comunale del partito e componente della Commissione Trasporti della Camera, ha convocato una riunione tra i vertici locali. In discussione, l'Accordo di programma tra il ministero delle Infrastrutture, la Regione Sicilia e la Regione Calabria, i Comuni di Messina, Reggio Calabria e Villa San Giovanni e RFI rispetto alla definizione degli impegni reciproci. I tagli delle somme destinate alle opere compensative, quelle cioè che dovrebbero in qualche modo risarcire i tre comuni degli innegabili disagi cui inevitabilmente si andrà incontro durante la realizzazione del ponte, adesso iniziano a preoccupare anche chi è al governo. E così, anche se durante l’incontro il PDL messinese ha ribadito l’importanza strategica dell’opera all’interno della rete europea dei trasporti, è stato posto l'accento anche sulla necessità di definire una volta per tutte gli impegni che il Governo nazionale e quello regionale devono assumere rispetto alla realizzazione delle infrastrutture connesse all'opera. [Articolo di Elisabetta Raffa - €conomiaSicilia.com]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

23 settembre 2011

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia