Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

A Selinunte terminata la campagna archeologica della NY University e dell'Università Statale di Milano

Importanti i ritrovamenti nell'area antistante il monumentale Tempio R

26 luglio 2021
A Selinunte terminata la campagna archeologica della NY University e dell'Università Statale di Milano
  • Hai un'attività che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

Una grande piattaforma addossata al fronte del monumentale Tempio R, con ogni probabilità destinata ad altare, è la più importante scoperta della campagna di scavi condotta quest'anno a Selinunte dalla New York University e dall'Università statale di Milano.

Le ricerche, che si sono concentrate nell'area antistante il Tempio R, hanno consentito di attribuire la datazione certa del 570 a.C. al prezioso monumento.

Uno spazio che si è mostrato intatto nei livelli antichi non essendo stato oggetto di scavi in età postantica o moderna; questo vale, in particolare, per la zona dove si suppone si trovasse l'altare (più a sud dell'area scavata quest'anno), attualmente occupata dai blocchi dell'architrave del Tempio C che, crollati in età medievale, sono stati risistemati nella posizione attuale da Francesco Saverio Cavallari, alla fine dell'Ottocento. La rimozione dei blocchi potrà consentire l'esplorazione del resto della piattaforma e dell'altare.

Non lontano dall'area dove si ipotizza si trovasse l'altare, sono state rinvenute anche due punte di lancia e un corno di capra che si suppone fossero deposizioni votive databili all'epoca della costruzione del Tempio R. Questi oggetti arricchiscono la serie impressionante di offerte - particolarmente armi e animali - associate con la costruzione dell'edificio sacro.

Infine, nel riempimento ellenistico che ha sigillato il Tempio R e l'area circostante nei suoi livelli arcaici e classici, è stato rinvenuto un braccio in marmo di grandezza naturale, appartenente a una statua di circa 1 metro e 80 che può essere associato a un frammento di avambraccio trovato quattro anni fa e realizzato nello stesso materiale e con le stesse proporzioni. I due frammenti sono riferibili a una statua di kouros, il tipo statuario maschile principale della scultura greca arcaica.

I ritrovamenti concludono la grande campagna di indagini archeologiche e di scavi condotta nell'area archeologica dall'Institute of Fine Arts della New York University e dall'Università Statale di Milano con il coordinamento scientifico della direzione del Parco che sta puntando sul recupero dell'attività di studio e ricerca, rafforzando molto i rapporti con le Università.

Il programma di ricerca quest'anno, infatti, oltre all'attività condotta con la NY University e il Politecnico di Milano registra la collaborazione con l'Istituto Germanico di Roma, le Università di Berlino (in corso scavi e indagini area nord Agora), Bonn (Porto orientale a partiree dal 23 Agosto), Lublin (Ricerca georadar teatro a partire da settembre), Urbino (indagini conoscitive del Tempio G). A Pantelleria si scava nell'area dei Sesi con l'Università di Bologna (professor Maurizio Cattani) e nell'area dell'acropoli con l'Università di Tubinghen (prof. Thomas Schaffer).

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

26 luglio 2021
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE