Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Ad Agrigento record di turisti

Ora è il momento di riprendere scavi nella Valle dei Templi

08 settembre 2016
Ad Agrigento record di turisti

Agrigento quest’estate ha fatto il pieno di turisti e ora il sogno è portare alla luce quello che ancora resta nascosto dal bosco di mandorli e ulivi nella Valle dei Templi.
Il sindaco Lillo Firetto parla di "record di presenze turistiche" supportato dai primi bilanci incoraggianti del parco archeologico, che ha toccato i 10 mila visitatori in un solo giorno, dal primato nella vendita di biglietti in musei e siti d’interesse artistico, dalla Kolymbethra al Mudia, e lungo gli itinerari di Arte e Fede, oltreché dal pienone registrato in queste ultime settimane negli esercizi commerciali e nelle strutture ricettive del centro storico di Girgenti e nella zona balneare di San Leone.

"Il via libera ai fondi da parte del Cipe per i Cantieri della Cultura - sottolinea il primo cittadino - è un buon segnale dopo anni di disattenzione. Con oltre 6,6 milioni di euro la Città dei Templi amplia e valorizza ulteriormente il suo patrimonio archeologico. Ma occorre potenziare l’attività di ricerca: il teatro, la rete viaria, le ricche dimore, l’ippodromo di Akragas giacciono ancora sepolti in attesa di scavi. Molto ancora ci riserva il parco: i reperti emersi sono una minima parte dell’immenso giacimento archeologico ancora nascosto sotto il bosco di mandorli e ulivi. Potremmo festeggiare i 2600 anni dalla fondazione della città consegnando agli agrigentini e all’umanità il teatro di Akragas. La Regione, in linea con le rinnovate sensibilità del Governo nazionale e puntando sul binomio Cultura-Turismo, disponga risorse aggiuntive per il parco e si attivi per il ripristino immediato del 30% degli introiti dei ticket di ingresso all’area archeologica a favore del Comune di Agrigento che un’improvvida decisione dell’Ars ha cancellato".

A tal proposito si inserisce la nota di Assohotel Sicilia Centro Meridionale. "Il colpevole silenzio con cui i parlamentari hanno votato contro i Comuni nella gestione degli introiti dello sbigliettamento nelle aree archeologiche e nei musei - sottolinea Paolo Pullara - mostra più che indifferenza una precisa volontà: quella di annientare ogni prospettiva di sviluppo. Le vecchie logiche politiche che mirano a mantenere in una condizione di bisogno un territorio, anziché di crescita, tentano ancora di prevalere. Le imprese che investono con coraggio e con estremo sacrificio in questo territorio e che credono fortemente nel potenziale turistico culturale non accetteranno che siano sottratte quelle risorse che appartengono alla città. La Valle dei Templi è nella città di Agrigento ed è impensabile che si voglia considerare separate due realtà, quella archeologica e del colle di Girgenti, che si appartengono da 2600 anni".

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

08 settembre 2016
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia