Affidato agli sms il passaparola per organizzare feste ''libere''

21 settembre 2001
Intorno agli anni '90 si organizzavano i rave party, in ville abbandonate o in strutture industriali dismesse, lontane dai centri abitati e dai curiosi.

E la gente veniva invitata, con discrezione, con il metodo del "passaparola".

Con l'avvento dei telefoni cellulari e di Internet, il passaparola è stato sostituito dai messaggi sms e c'è chi ne ha approfittato per allestire un fitto calendario di feste, tutte "libere" dai controlli della Siae e dalle misure di sicurezza.

Si organizzano anche in case private feste a pagamento "esentasse", violando la normativa della Siae e in barba a ogni legge fiscale, di tutela dei diritti d'autore e di sicurezza.
In alcuni casi si tratta praticamente di discoteche abusive, capaci di offrire le stesse attrazioni dei locali da ballo regolarmente registrati.

Da alcuni blitz risalenti al mese di luglio è partita un'inchiesta che ha portato alla scoperta di una rete di feste a pagamento lanciate su appositi siti Internet, spiegate per email e sms e confermate in modo tradizionale.

"Oltre alla consistente evasione tributaria - spiegano i finanzieri - il pericolo reale è per l'incolumità delle persone a causa dell'assoluta mancanza dei requisiti di legge necessari a garantire l'incolumità di chi frequenta quei locali. Spesso mancano le uscite di sicurezza e i sistemi antincendio".

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

21 settembre 2001

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia