Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Ai privati le biglietterie e i bookshop dei musei regionali

Firmati i primi contratti a Siracusa dopo lo scandalo Novamusa

30 giugno 2016

[Articolo di Antonio Fraschilla - Repubblica/Palermo.it] - Tornano i privati nella gestione delle biglietterie e dei servizi aggiunti dei beni culturali siciliani. A distanza di sei anni dalle contestate gare bandite dal governo Lombardo e dopo gli annunci del governatore Rosario Crocetta di fermare l’iter («mai più privati nei nostri beni»), ieri è stato firmato il primo contratto che riguarda i gioielli di Siracusa. A giorni saranno firmati i contratti anche per i siti di Taormina e Giardini Naxos e nelle prossime settimane quelli per Monreale, Segesta, Selinunte e Valle dei Templi, solo per citare i principali beni di Sicilia.
Tornano quindi nella partita colossi del calibro della Mondadori della famiglia Berlusconi, o della Prc Codess coopcultura, legata alla Lega delle cooperative e che cura diversi beni nella Capitale tra cui il Colosseo. E, ancora, Civita Cultura guidata da Luigi Abete e che tra i suoi soci ha le case editrici De Agostini e Giunti, la Fondazione Sicilia e Cinecittà entertainment.

Dopo lo scandalo Novamusa (LEGGI) e i vecchi gestori dell’epoca cuffariana che hanno trattenuto incassi per oltre 19 milioni di euro senza versarli alla Regione, in questi anni i musei siciliani non hanno avuto alcun servizio aggiuntivo. Non un bookshop, una guida, un bar o ristorante è stato mai aperto. Né sono stati organizzati eventi di rilievo, a parte qualche eccezione. Con l’arrivo dei privati la Regione spera che molte di queste attività partano perché sarà questo il cuore del business affidato ai privati.

Ieri è stato firmato il contratto con l’associazione di imprese che si era aggiudicata la gare per i tre principali siti di Siracusa: la Neapolis, il museo Paolo Orsi e la Galleria Bellomo che ospita il quadro del seppellimento di Santa Lucia del Caravaggio. Da soli questi tre siti accolgono ogni anno quasi 600 mila visitatori per un incasso di circa 4 milioni di euro. A gestire biglietterie e servizi sarà adesso la società Thekey, che guida un raggruppamento composto da Civita cultura e Mondadori Electa. Queste società dovranno versare alla Regione, come scritto in una prima nota dell'amministrazione, «il 29 per cento degli incassi da vendita dei biglietti, il 7 per cento sul fatturato derivante dai servizi integrati, il 30 per cento dei corrispettivi relativi a manifestazioni ed eventi, nonché 37.735 euro come canone concessorio».  Ma poi la Regione corregge il tiro ammettendo "un errore nella comunicazione dei dati": "I privati verseranno alla Regione il 70 per cento degli incassi, ci scusiamo per l'errore".

Lo stesso raggruppamento d’imprese si è aggiudicato, e firmerà a giorni, il contratto per la gestione dei servizi del Teatro antico di Taormina e dell’area archeologica di Giardini Naxos: due siti che registrano 700 mila visitatori e incassi per 4,6 milioni di euro.  A breve comunque saranno firmati anche gli altri contratti dopo alcune verifiche che hanno cambiato i nomi degli aggiudicatari: ad esempio per la Valle dei Templi e il museo archeologico di Agrigento è stata esclusa la società "Luoghi dell’Arcadia" e l’appalto sarà affidato alla Prc codess coopcultura, che si è aggiudicata anche i siti del Palermitano, e cioè il Duomo di Monreale e il Castello della Zisa. I grandi siti archeologici di Segesta e Selinunte dovrebbero andare alla società Munus, altro nome importante del settore che gestisce diversi siti a Roma e in Toscana.
Soddisfatto l’assessore ai beni culturali, Carlo Vermiglio: «Questo primo contratto - dice Vermiglio - sblocca una lunga e articolata vicenda avviando la riqualificazione dei luoghi della cultura regionali e dotandoli di quei servizi che sono essenziali per adeguare la nostra offerta turistica e culturale agli standard europei. È, inoltre, un’occasione importante di sviluppo occupazionale in un settore strategico per la valorizzazione e la piena fruizione dei musei, dei parchi e delle aree archeologiche».

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

30 giugno 2016
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia