Al Cpt di Lampedusa vi sarebbe il rispetto dei diritti umani e delle leggi italiane

Il ministro dell'Interno Giuseppe Pisanu: ''Su Lampedusa credo alla Commissione europea''

11 ottobre 2005

Il Centro di permanenza temporanea di Lampedusa è stato visitato dalla Commissione europea Diritti civili che ha fatto gli accertamenti necessari e stilerà una relazione che, a quanto sembra, potrebbe essere in netto contrasto con il reportage dell'Espresso (leggi).
L'ha ricordato il ministro dell'Interno Giuseppe Pisanu, rispondendo ai giornalisti a Cagliari sulle polemiche suscitate dall'inchiesta del settimanale.
Pisanu ha spiegato che secondo alcuni membri della commissione, al Cpt vi sarebbe il rispetto dei diritti umani e delle leggi italiane, mentre altri esperti avrebbero riferito di una messa in scena del ministero dell'Interno perché fosse tutto al meglio. ''Opinioni rispettabilissime - ha precisato Pisanu - ma la verità è semplice: il centro di Lampedusa è concepito per 200 persone e quando ne arrivano 1.000 è possibile avere problemi momentanei di gestione''.

Ma se il ministro stempera le polemiche, da Biagio Palumbo, medico ed ex direttore del Cpt di Agrigento chiuso nel novembre 2004 per ristrutturazione, arrivano ulteriori accuse: ''Nel Centro di prima accoglienza di Lampedusa lucrano sugli immigrati. Ci sono complicità nella confraternita della Misericordia e nelle istituzioni''. Palumbo, anche lui componente della Misericordia, sostiene che le irregolarità che sarebbero state commesse dai suoi colleghi della Misericordia, che gestiscono la struttura di Lampedusa, ''erano già state denunciate alla prefettura di Agrigento e al vescovo della città, monsignor Carmelo Ferraro, ma nessuno ha mai fatto nulla per rimettere le cose a posto''.
''Tutto quello che ho sempre sostenuto - aggiunge Palumbo - segnalandolo nelle sedi istituzionali, adesso è finalmente emerso dall'inchiesta di questo giornalista coraggioso dell'Espresso al quale darei un premio. Io sono un volontario che crede nei valori sui quali si basa la Misericordia e quanto è avvenuto a Lampedusa getta discredito su tutti, per questo motivo sto inviando una lettera al direttivo nazionale delle confraternite sollecitando un loro intervento''.
Palumbo ha inoltre raccontato che gli immigrati venivano mandati da Lampedusa al centro di Agrigento ''nudi, senza i necessari indumenti che i volontari devono fornire agli extracomunitari''.

Intanto, mentre i Democratici di sinistra si dicono pronti a presentare una mozione all'Assemblea regionale siciliana per chiedere ''l'impegno delle istituzioni regionali per garantire il rispetto e la tutela dei diritti umani nei centri di accoglienza per immigrati situati nel territorio regionale'', sono complessivamente 220 i clandestini trasferiti con un ponte aereo dal Centro di prima accoglienza di Lampedusa al Cpt di Crotone. Dallo scalo dell'isola sono decollati ieri due voli diretti in Calabria. Nella struttura, che ha una capienza massima di 190 posti, restano ancora 336 immigrati.

Fonte: La Sicilia

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

11 ottobre 2005

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia