Al teatro Politeama di Palermo in mostra i manifesti dell'epoca d'oro della ''PosterArt''

La Sicilia tra turismo, spettacoli e pubblicità nei sessanta cartelloni esposti

05 novembre 2003
Un viaggio lungo un secolo attraverso il cartellone pubblicitario in mostra al Politeama dal 15 novembre al 6 gennaio prossimi. "Grand Tour in Sicilia 1890-1950", il nome della manifestazione che ripercorre la storia dell'isola nell'arco di 100 anni, dal 1890 al 1950, attraverso la matita dei migliori cartellonisti del secolo scorso.
La mostra, allestita nella Sala degli Specchi del Teatro Politeama sarà aperta al pubblico sino all'Epifania e darà la possibilità, ai visitatori, di ammirare i manifesti di Duilio Cambellotti, creati per il Teatro Greco di Siracusa e l'enorme affiche (che misura tre metri per tre) di Leopoad Mitlicovitz dedicato a "Cabiria" di Gabriele D'Annunzio.

In esposizione anche il primo cartellone moderno della Sicilia realizzato nel 1889 da Giacomo Da Lentini che annuncia alcune Feste di Palermo e quello di Borgoni che rappresenta una Taormina verdeggiante d'inizio secolo. Da ricordare inoltre, lo spettacolare manifesto di Nizzoli per Agrigento degli anni Venti e i poster della Enit.
E ancora, opere di Mario Punpo e del palermitano Aleandro Terzi. Insomma, un secolo o quasi di affiche colorate ed eleganti, delicatamente liberty o finemente futuriste: questo è il fil rouge che lega i manifesti che fanno parte di "Grand Tour in Sicilia: 1890-1950". La mostra raccoglie affiche realizzati in occasione di eventi religiosi, culturali, popolari  per sponsorizzare spettacoli teatrali e cinematografici al fine di promuovere località e aziende siciliane.

Organizzata dalla Papiacomunicare di Brescia (società esperta nel settore della comunicazione  e nell'organizzazione di eventi culturali), la manifestazione è strettamente legata alla stagione dell'Orchestra Sinfonica Siciliana che vede la partecipazione di numerosi sponsor, sia pubblici che privati, dalla Presidenza della Regione e dagli assessorati regionali al Turismo e ai Beni culturali, al Comune di Palermo, alla Fondazione dell'Orchestra Sinfonica, a Confindustria Sicilia, ad aziende come Baglio Hopps, Gruppo Alessi, EBC, Morettino, Velarredo e Amat.

L'obiettivo è quello di far conoscere al pubblico l'epoca d'oro della PosterArt in Italia. A tal scopo saranno coinvolti due istituti superiori della città: l' Istituto professionale di stato "Matteo Salvemini" e l'Istituto tecnico per il turismo "Marco Polo", che compiranno una visita guidata, acquisendo così crediti formativi. "Un vero e proprio biglietto da visita per la Sicilia" afferma una delle organizzatrici,  Simonetta Avogadro Foresti, lombarda ma innamorata della Sicilia e della poster-art. "Si tratta di sessanta manifesti, firmati dai migliori cartellonisti dell'epoca e divisi essenzialmente in quattro filoni: dalle affiche pubblicitarie sulle località siciliane a quelle sui luoghi archeologici, dai manifesti sugli spettacoli teatrali che sono stati messi in scena sul territorio a quelli delle diverse aziende siciliane".

Tra i pezzi più belli, i manifesti famosi del Marsala Florio e la serie completa di sei manifesti legati al Teatro Greco di Siracusa. L'esposizione è corredata da un  catalogo, che verrà pubblicato in occasione della mostra, che contiene circa cento immagini a colori  delle opere esposte e di  altri manifesti altrettanto importanti, comunque legati al periodo. Le immagini sono affiancate da testi scritti da studiosi e da esperti della comunicazione pubblicitaria e delle correnti artistiche del Novecento.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

05 novembre 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia