Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine
 Cookie

Al via la vendemmia 2022 di Feudo Disisa, nel Terroir della DOC di Monreale

Si prevede un leggero incremento produttivo accompagnato da una qualità eccellente delle uve

16 settembre 2022
Al via la vendemmia 2022 di Feudo Disisa, nel Terroir della DOC di Monreale
  • Hai un'azienda vitivinicola che vuoi rendere visibile? Fallo ora gratuitamente - CLICCA QUI

L'andamento climatico nel Terroir della DOC di Monreale è stato regolare per tutto l'anno, con un autunno molto piovoso - che ha permesso di riempire gli invasi incrementando le notevoli risorse idriche del terreno - un inverno e un inizio primavera con temperature leggermente al di sotto della media, ma senza grosse gelate e con piovosità contenute. Il periodo estivo, caldo e non molto umido, ha contribuito ad arricchire i grappoli in maturazione di sostanze polifenoliche e aromatiche.

Nel complesso, lo sviluppo fenologico risulta regolare, eccetto un lieve ritardo nel germogliamento dovuto ai terreni ricchi in acqua; un quadro fitosanitario, questo, che fa ben sperare per il prosieguo e per un normale svolgimento delle operazioni di raccolta, nonché una produzione di eccellenza.

Vendemmia nel Feudo Disisa, Monreale

La vendemmia da Feudo Disisa è iniziata - come di consueto - intorno alla prima settimana di agosto con la raccolta delle basi spumante. Tra il 10 e il 15 del mese si è proseguito, poi, con l'internazionale Chardonnay e, tra il 25 e il 28 agosto, con i vitigni autoctoni a bacca bianca di Grillo, Fiano e Catarratto: uno dei più identitari e di maggior tradizione dell'areale della DOC di Monreale.

Vendemmia nel Feudo Disisa, Monreale

Dopo aver terminato - per i bianchi - con l'Inzolia durante i primissimi giorni di settembre, l'azienda guidata da Mario Di Lorenzo ha continuato, poi, con la vendemmia dei rossi con gli alloctoni Syrah e Merlot e con l'autoctono Nero d'Avola. Gli ultimi vitigni ad essere raccolti saranno, verosimilmente, il Cabernet Sauvignon e il Perricone che sarà vendemmiato agli inizi di ottobre.

Vigneti del Feudo Disisa, Monreale

In generale la vendemmia 2022 sta confermando le ottime premesse di inizio anno, sia in termini di performance qualitativa che quantitativa. Bene i bianchi, soprattutto il Catarratto dove la qualità è apparsa sin da subito eccellente e lo stato sanitario di buon livello. Il rapporto polpa buccia assicurerà, poi, nei rossi - soprattutto nel Perricone - un ottimo apporto di profumi e sentori ben delineati, con una tendenza verso vini ancora più longevi ed eleganti.

Mario e Renato Di Lorenzo, Feudo Disisa, Monreale

"Si prospetta una buona annata con un aumento della produzione pari al 10% circa - sottolinea Mario Di Lorenzo, alla guida dell'azienda di famiglia insieme al padre Renato -. Stiamo raccogliendo uve bianche di qualità, nonostante le elevate temperature e le criticità dei mesi di giugno e luglio, ben gestite in azienda; tra qualche giorno cominceremo con i rossi dove le aspettative sono altissime. Il trend è in linea con gli obiettivi di inizio stagione e ci aspettiamo davvero grandi risultati dai vitigni autoctoni su cui puntiamo maggiormente, quali Catarratto e Perricone".

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

16 settembre 2022
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia