Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Alimentazione e salute: come mangiano e come stanno gli italiani con le loro abitudini alimentari

Pasta e pane non mancano mai dalle tavole degli italiani

19 novembre 2005

Le abitudini alimentari più diffuse nella popolazione italiana riguardano il consumo quotidiano di pane, pasta o riso (87,7%); frutta (78,3% nel 2001 e 76,7% nel 2003); verdure (48,5%); ortaggi (con un incremento nell'ultimo biennio: 39,6% del 2001 e 42,4% del 2003); latte (60,5%). Risulta diffuso anche il consumo, almeno qualche volta alla settimana, di carni bovine (72,1%); carni di maiale, anche se in calo (dal 48,3% del 2001 al 45,1% del 2003); carni bianche (80,2%); pesce (57,2%). Sono i dati che emergono dall'indagine multiscopo dell'Istat su stili di vita e condizioni di salute che ha preso in esame il periodo dal 2000 al 2003.

In Italia la dieta si caratterizza anche per i condimenti utilizzati: il 95,4% della popolazione usa l'olio d'oliva o altri grassi di origine vegetale per cuocere. Questa abitudine è più radicata nell'Italia meridionale (97,6%) e insulare (98%), mentre è al Nord che si trovano le regioni in cui se ne fa un minor uso: la Valle d'Aosta (88%) e il Trentino-Alto Adige (83,6%). Il 97% della popolazione usa l'olio d'oliva o altri grassi di origine vegetale per condire a crudo.
Lo stile alimentare delle donne si caratterizza rispetto a quello maschile per il consumo giornaliero di frutta (79,6% delle donne e 73,7% degli uomini), ortaggi (rispettivamente 45,8% e 38,9%) e verdura (52,5% e 44,4%). Nel complesso, le donne che consumano quotidianamente verdure, ortaggi o frutta sono l'86,5% contro l'81,9% dei maschi. Le donne, inoltre, ne consumano una quantità maggiore: il 71,6% contro il 69,2% degli uomini.
Anche il latte è consumato quotidianamente più dalle donne (64,2% contro 56,6% degli uomini). Inoltre, queste prestano maggiore attenzione degli uomini al consumo di sale e/o di cibi salati (66,6% contro 55,4%). La dieta degli uomini è invece caratterizzata da un consumo più diffuso di cereali (l'89,9% pane, pasta e riso almeno una volta al giorno contro l'85,6% delle donne); salumi (il 68% almeno qualche volta alla settimana contro il 57,3% delle donne); carni bianche, bovine e di maiale (rispettivamente almeno qualche volta alla settimana l'80,7%, il 75,3% e il 49,2% degli uomini contro il 79,7%, 69,1% e 41,1% delle donne) e dolci (il 50,3% almeno qualche volta alla settimana degli uomini contro il 46,9% delle donne).
Cresce l'abitudine al consumo di acqua minerale: l'87,5% della popolazione di 14 anni e più beve acqua minerale almeno qualche volta l'anno, una percentuale in costante aumento rispetto agli anni precedenti (78,6% nel 1993). Beve vino almeno qualche volta l'anno il 55,9% delle persone di 14 anni e più, percentuale che risulta in leggera diminuzione rispetto al 2002 (57,4%); il consumo quotidiano, invece, riguarda quasi un terzo della popolazione.

Nel periodo 2000-2003 la percentuale di persone normopeso di 18 anni e più è maggioritaria e risulta sostanzialmente stabile (53,5% nel 2000 e 54,1% nel 2003), ma il 33,6% dei maggiorenni è in sovrappeso (33,9% nel 2000) e il 9% risulta obeso (9% nel 2000).
La percentuale di popolazione adulta con problemi di sovrappeso e obesità è più alta in tutto il Mezzogiorno (46,% al Sud e 45,6% nelle Isole), in particolare le regioni con le percentuali più elevate di persone in condizione di soprappeso e obesità sono il Molise (rispettivamente 36,3% e 13,2%), la Basilicata (41,6% e 10,2%) e la Sicilia (38,8% e 9,6%).

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

19 novembre 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia