All'aeroporto di Palermo piste rifatte in tempi record

In quarantasei giorni, dall’inizio dei cantieri, sono state inaugurate le due nuove piste di volo

27 dicembre 2017
All'aeroporto di Palermo piste rifatte in tempi record

Decolli e atterraggi più sicuri d'ora in poi nell'aeroporto di Palermo, dove in 46 giorni dall'inizio dei cantieri, sono state inaugurate le due nuove piste di volo. E durante i lavori, avviati a fine ottobre e che hanno riguardato la pavimentazione e il rifacimento della segnaletica, lo scalo è rimasto sempre operativo. Costati oltre 23 milioni di euro, i lavori sono stati realizzati con fondi della Gesap e presentati venerdì scorso in conferenza stampa all'aeroporto.
Per il presidente della Gesap, Fabio Giambrone, il rispetto dei tempi programmati "è la conferma di un'inversione di tendenza e di un cambio di passo". "È l'esempio di una buona pratica, e motivo di autostima" ha detto il sindaco di Palermo Leoluca Orlando ricordando che l'aeroporto di Palermo "è la porta di ingresso in Sicilia". Per l'assessore regionale al Turismo Sandro Pappalardo, " questa è la Sicilia che funziona, è uno dei tanti biglietti da visita che la Sicilia possiede".
Per il presidente dell'Enac Vito Riggio, "ciò dimostra che anche nel Mezzogiorno e in Sicilia è possibile fare le cose bene e celermente, mi aspetto il completamento del programma che prevede interventi per 72 milioni di euro". Inoltre, secondo Riggio, la Gesap "dovrebbe porsi due obiettivi. Innanzitutto fare un accordo con Trapani-Birgi e distribuire il traffico aereo in modo razionale, in modo anche da risparmiare sui contributi che si danno alle compagnie low cost per farle atterrare qui. L'altro obiettivo - ha aggiunto - deve essere definire l'intero programma di investimenti riordinando tutti gli interventi: ad esempio qui è previsto anche un albergo". E a chi gli ha chiesto cosa pensa dell'idea di istituire delle tariffe ad hoc per i residenti in Sicilia, Riggio ha risposto: "È una stupidaggine, tutto sbagliato e tutta retorica e demagogia. La Sardegna, che ha avute le basse tariffe, oggi viene contestata, con la differenza che la Sardegna ha un milione e mezzo di abitanti, la Sicilia 5 milioni e fa tra i 15 e i 20 milioni di passeggeri". [Fonte: Travelnostop Sicilia]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

27 dicembre 2017

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia