Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Alla 74ma Mostra del Cinema di Venezia tre film cofinanziati dalla Regione Siciliana

Alla Biennale cinematografica grazie al progetto "Sensi contemporanei" Sicilia film commission

01 settembre 2017
Alla 74ma Mostra del Cinema di Venezia tre film cofinanziati dalla Regione Siciliana

Sono ben tre i film cofinanziati dalla Regione Siciliana / Sicilia Film Commission, nell'ambito del progetto "Sensi contemporanei" (bando produzione 2016) che saranno presentati alla 74ma Mostra del Cinema di Venezia.
In selezione ufficiale fra le "proiezioni speciali" sarà presentato "L'ordine delle cose" di Andrea Segre, sociologo e documentarista tra i più apprezzati, che torna al lungometraggio per raccontare sul grande schermo le tensioni e la crisi d'identità dell'Europa alle prese con un fenomeno sempre più controverso come quello dell'immigrazione. Nel cast Paolo Pierobon, Giuseppe Battiston, Valentina Carnelutti, Olivier Rabourdin, Yusra Warsama, Roberto Citran e l'attore siciliano Fabrizio Ferracane.

Sempre in selezione ufficiale e in anteprima assoluta, fuori concorso, sarà presentato l'atteso "Happy winter", il lungometraggio documentario d'esordio del giovane regista siciliano Giovanni Totaro che ha osservato e raccontato la vita della pittoresca umanità che ogni estate affolla la spiaggia e la stazione balneare di Mondello a Palermo (6 settembre, ore 14.30, Sala Grande). Il film trae spunto dalla rielaborazione e dallo sviluppo del brillante saggio di diploma con cui Totaro concluse a Palermo nel 2015 il suo triennio di studi in Cinema Documentario presso la sede Sicilia del Centro Sperimentale di Cinematografia.
Il terzo film, co-finanziato dalla Regione Siciliana / Sicilia Film Commission, è "Hui He: un soprano dalla Via della seta" di Andrea Prandstraller e Niccolò Bruna che ricostruisce il percorso della famosa soprano e le sue tappe nei più grandi teatri d'opera del mondo, tra cui il Teatro Massimo di Palermo, alla ricerca di quel che unisce due sensibilità e culture apparentemente così diverse e distanti, in un percorso simile a quello della Via della Seta. [ANSA]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

01 settembre 2017

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE