Alla PIAC di Ragusa la prima personale in Italia dell'artista olandese Roderick Hietbrink

05 dicembre 2005

''Roderick Hietbrink''
Prima mostra personale in Italia dell'artista olandese
PIAC - Piattaforma Internazionale Arte Contemporanea
Via Torrenuova 16 - Ragusa
Dal 3 dicembre 2005 al 31 gennaio 2006

Orario: da martedì a sabato 15-19:30 o su appuntamento (possono variare, verificare sempre via telefono)
Ingresso libero

PIAC/ Piattaforma Internazionale Arte Contemporanea è lieta di annunciare la prima mostra personale in Italia dell'artista olandese Roderick Hietbrink.

Partendo dall'osservazione del reale, Hietbrink indaga lo spazio architettonico e lo manipola scomponendolo in forma, struttura e acustica. Le sue videoproiezioni, perlopiù installazioni di grandi dimensioni che annullano l'esperienza dello spazio espositivo in un'unica esperienza estetica con l'architettura dell'opera, affrontano la composizione dell'immagine con un linguaggio e riferimenti pittorici.
All'architettura come misura dell'uomo si riferisce ''White Horizon'' (2005), una videoinstallazione proiettata su una parete dello spazio PIAC oltre la quale, nella realtà, si estende l'altopiano. Al dato reale della natura, abitualmente visibile dalla galleria, l'artista sceglie di sovrapporre un paesaggio urbano in cui si intravedono in lontananza, avvolti in una fitta nebbia, imponenti grattacieli contemporanei.
In questo scenario desolato transita una figura umana: si china, quasi volesse raccogliere il nulla della sua solitudine esistenziale, poi si risolleva ed esce di scena. Un chiaro riferimento, questo, al tema filosofico dell'uomo nel suo rapporto con la natura e, in senso più ampio, con lo spazio sociale che lo circonda, che già nella pittura di epoca rinascimentale spinse gli artisti a inserire la figura umana in un contesto naturale o in una cornice architettonica; e, in termini più recenti, alla critica del modernismo de Il deserto rosso di Michelangelo Antonioni, in cui il turbato stato interiore della protagonista Giuliana, interpretata da Monica Vitti, si riflette nelle inquietanti e metalliche atmosfere della periferia urbana ferrarese.
White Horizon nasce, come afferma l'artista, ''dalla necessità di creare ordine dal caos''. La dimensione straniante e onirica della lenta sequenza è coadiuvata, come spesso accade nell'opera di Hietbrink, da suoni prodotti elettronicamente o tratti dal reale: il cantare fitto e monotono dei grilli, lo spostamento di carichi in un porto, lo stridere di corde metalliche.

Roderick Hietbrink è nato a Gorrsel (Olanda) nel 1975. Vive e lavora tra Rotterdam e Istanbul, dove nel 2005 ha vinto una borsa di studio presso la Platform Garanti. La sua opera è stata esposta in mostre personali e collettive in spazi pubblici e privati, tra le quali ricordiamo, nel 2004, Delay al Boijmans Van Beuningen Museum di Rotterdam, Corner Corone alla Künstlerhaus Bethanien di Berlino, e Interscape allo Stedelijk Museum di Amsterdam.

INFO
Tel +39 0932621853
piac.mail@tiscali.it

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

05 dicembre 2005

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia