Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Allarme Alcool! Sempre più giovani affondano dentro un bicchiere. Cominciano a 11 anni

Il primo drink in Italia lo si beve a 11/12 anni

26 aprile 2004

Sono sempre più numerosi gli adolescenti, soprattutto ragazze, che in Italia consumano alcolici e scende a 11-12 anni l'età del primo bicchiere, la più bassa in Europa, dove il primo drink arriva intorno ai 14 anni.
E' quanto emerge dalla fotografia presentata a Roma, nella giornata di prevenzione (Alchol Prevention Day) organizzata dall'Istituto Superiore di Sanità (ISS).
Secondo i dati più recenti, frutto delle elaborazioni dell'ISS sui dati ISTAT, sono circa 900.000 i giovani al di sotto dei 16 anni che bevono abitualmente birra, vino e aperitivi alcolici. Sulla base dei dati Istat si calcola che i giovanissimi (14-16 anni) consumatori di alcolici siano aumentati dai 781.000 del 1998 ai 848.000 del 2000, ai 870.000 del 2001. Tra questi ultimi, circa 400.000 abusano di vino, birra e altre bevande alcoliche e le piu' accanite consumatrici sono le ragazze, passate dal 35,7% del 1998 al 41,6% del 2001. Nello stesso periodo i consumatori fra i ragazzi sono aumentati dal 46,2% al 51,6%.

Complice dell'aumento dei consumi nei giovanissimi è soprattutto la popolarità di cui gode l'alcol a livello sociale. Per Emanuele Scafato, dell'Osservatorio Fumo, Alcol e Droga dell'ISS, ''l'alcol, a differenza degli altri principali fattori di rischio per la salute, gode di un'accettazione sociale e di una popolarità legate alla cultura italiana del bere che poneva, fino a 10 anni fa, il consumo di vino come elemento inseparabile dell'alimentazione''. Oggi, invece, il bere alcolici è più legato ''agli effetti che esso esercita sulle performance personali''.
I giovanissimi, per esempio, bevono per sentirsi più sicuri e loquaci quando sono in gruppo e per essere ''trendy'' agli occhi degli amici. Ed è proprio per questo che il 12,2% di loro preferisce bere lontano dai pasti. Una modalità, questa, preferita soprattutto dalle ragazze (il 27,6% contro il 3,9% dei maschi).

La birra è la bevanda alcolica preferita, soprattutto dai maschi, seguita dal vino, dagli aperitivi alcolici e dagli amari. Le cifre presentate oggi sollecitano quindi la necessità di iniziative volte a contrastare il fenomeno, alle quali ISS e ministero della Salute rispondono, ha aggiunto Scafato, con l'impegno sul fonte della prevenzione e dell'informazione con il sito Web dell'Osservatorio e opuscoli. Si prevede inoltre di potenziare l'attività del Telefono Verde Alcol (al numero 800632000), che offre consulenze per problemi di dipendenza e assistenza agli alcolisti.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

26 aprile 2004
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE