Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Anche la compagnia di bandiera italiana entra nella guerra del basso costo

Aumentano le offerte nel panorama low cost. Adesso anche con Alitalia si potrà volare economico

02 febbraio 2004
Anche Alitalia entra nella guerra del low cost. Mentre da un lato aumenta il prezzo dei biglietti in base all'accordo con le agenzie di viaggio (dal primo marzo si pagherà una 'fee' su tutti i biglietti, sia che si acquistino direttamente dalla compagnia sia che si comprino nelle agenzie), dall'altro lancia tariffe da 18 euro per il biglietto di andata e ritorno su alcune tratte.
Da questa settimana, infatti, un certo numero di posti sui collegamenti Milano-Palermo, Milano-Catania, Milano-Napoli e Roma-Catania saranno offerti appunto al prezzo di 18 euro per il volo di andata e ritorno.
Mentre è di questi giorni il cambiamento delle condizioni, più favorevoli per gli utenti, su altre tratte: è il caso dell'offerta a 39+39 euro del Milano-Bari andata e ritorno, che prima si poteva acquistare soltanto con 30 giorni di anticipo, tempo ora ridotto a una settimana. Tutti questi biglietti - viene sottolineato - saranno veicolati attraverso il web, dove li potranno acquistare tanto i passeggeri direttamente quanto le agenzie di viaggio.

Si amplia quindi la platea delle offerte low cost. Un mercato che ha visto addirittura una compagnia, Volare, trasformarsi completamente nell'ottobre scorso, divenendo vettore solo a tariffe superscontate, lasciando invariata unicamente l'attività charter nell'area del Mediterraneo e sulle rotte intercontinentali. E che, da oggi si appropria anche della rotta business per antonomasia, quella fra Roma Fiumicino e Milano-Linate, con Meridiana che offre tariffe da 9 a 49 euro one way, così da far concorrenza ad Air One (che opera in code share con Lufthansa e Air Littoral), 39 euro per lo stesso collegamento, 32 volte al giorno nei cinque giorni lavorativi.

Sul fronte delle agenzie di viaggio, con l'accordo raggiunto Alitalia manterrà la riduzione delle commissioni sulla biglietteria all'1% a partire dal primo marzo ma, allo stesso tempo, introdurrà una ''fee'', cioè di un sovrapprezzo fisso nel prezzo del biglietto a carico del consumatore, che sarà praticato da tutti, anche dalla compagnia nei suoi canali di vendita diretta, come internet, call centre e aeroporti.
Un sovrapprezzo che sarà libero, vale a dire che ciascuna agenzia e la stessa compagnia potranno deciderne l'entità in piena autonomia ma che se Alitalia, come chiedono le agenzie di viaggio, si atterrà ai prezzi medi praticati dagli altri vettori europei, potrebbe essere di 12-18 euro per i biglietti nazionale, e di 25-45 euro per quelli internazionali ed intercontinentali. L'importo della 'fee', infatti, non è stato ancora fissato ma sarà oggetto di una trattativa che sarà portata avanti da un comitato paritetico (Alitalia-agenzie di viaggio) sulle problematiche del settore. Il sovrapprezzo, inoltre, dovrà essere applicato da tutti in modo trasparente, così che i consumatori possano essere informati del costo che pagano per il servizio di biglietteria.

Fonte: Ansa

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

02 febbraio 2004
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE