Ancora un Natale all'insegna dell'austerity

Per le feste le famiglie Siciliane spenderanno 725 mln di euro, ma i consumi sono in calo dell?11% rispetto lo scorso Natale

21 novembre 2013

Ancora un Natale all’insegna dell’austerity quello delle famiglie Siciliane, costrette a tagliare le spese relative alle festività. Questa la fotografia scattata dal Codacons, l’associazione che ogni anno esegue un monitoraggio sulle previsioni di spesa degli italiani durante le feste di Natale.
"Si prevede - afferma Francesco Tanasi, Segretario Nazionale Codacons - che le famiglie siciliane spenderanno complessivamente circa 725 milioni di euro durante il periodo di Natale, tra addobbi per la casa, regali, alimentari, ristorazione, viaggi, spese per la cura della persona, ecc. I consumi generali faranno però segnare un calo medio dell’ 11% rispetto allo scorso anno (contro una media nazionale del -7,5%). Si tratta di una contrazione molto forte, continua Tanasi, soprattutto se si considera l’andamento negativo delle vendite di Natale in regione negli ultimi cinque anni".
La costante perdita del potere d’acquisto delle famiglie, associata ad una pressione fiscale sempre più elevata e ad una crisi economica che non cessa di far sentire i suoi effetti nel nostro Paese, porterà i consumatori a tirare la cinghia anche sulle spese di Natale. In tale contesto, gli acquisti durante le festività natalizie saranno improntati alla prudenza e al risparmio, ma non mancheranno i regali per i bambini e le spese alimentari.
In base alle stime del Codacons, infatti, durante il Natale le famiglie ridurranno i consumi nel settore abbigliamento e calzature, viaggi, ristorazione, arredo per la casa, mentre reggeranno il comparto giocattoli, quello alimentare e l’elettronica. [Codacons]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

21 novembre 2013

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia