Arrivano le "forchette rotte", gli Indignados di Sicilia: "Col nostro futuro non ci mangia più nessuno"

03 giugno 2011

Ispirandosi agli Indignados spagnoli diversi giovani siciliani si sono mobilitati e hanno dato vita al movimento giovanile delle "forchette rotte". Il nome deriva dal primo gesto simbolico che hanno messo in atto: centinaia di buste anonime contenenti una forchetta di plastica rotta e una cartolina, senza sigle, con scritto "I giovani siciliani si sono rotti. Col nostro futuro non ci mangia più nessuno" sono state recapitate a politici, amministratori comunali, industriali, rappresentanti degli ordini professionali, sindacalisti, docenti e amministratori universitari siciliani dalle "forchette rotte" che danno un "non meglio precisato" appuntamento a Palermo il prossimo 25 giugno.
"In Sicilia - dicono dal movimento - succede che i laureati con 110 e lode a 40 anni sono ancora disoccupati e alla Regione, grazie alla legge 104 in salsa siciliana, a 40 anni si è già superpensionati. Diciamo basta. Le "forchette rotte", faranno le "barricate" per abrogare subito le norme che concedono ai dipendenti regionali, agli uomini con soli 25 anni di contributi e alle donne con 20, il diritto di andare in pensione prima a causa del grave stato di salute di un proprio familiare". "Abbiamo spedito questa cartolina anche ai 90 parlamentari regionali dell’Ars chiedendogli di porre fine a uno dei tanti privilegi che mortificano tutti i giovani siciliani".
Per chi volesse contribuire alla creazione del loro programma, le "forchette rotte", in pieno stile assembleare e di democrazia dal basso accettano "informazioni e contributi programmatici" sulla loro pagina di Facebook.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

03 giugno 2011

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia