Bilanci siciliani di fine anno

Ancora tanti disoccupati ''ufficilia'', ma con la seconda casa. Sarà merito del lavoro sommerso?

20 dicembre 2008



La fine dell'anno è ormai dietro l'angolo, è arrivato quindi il momento dei bilanci e tirare qualche somma, più che altro per capire come dover cominciare l'anno nuovo coscenti di quanto abbiamo conquistato o subìto.
E' per questo che di seguito diamo un po' di numeri (attenzione! abbiamo scritto diamo un "di" numeri, e non “diamo i numeri”, ndr) per farci un idea di come il 2009 accoglierà la Sicilia e i Siciliani.

I dati Istat sulla disoccupezione siciliana -
L'indice generale di dotazione economica ovvero il rapporto tra gli occupati e la popolazione residente con un valore pari a 26,1% conferma il ritardo in termini di occupazione e sviluppo della Sicilia rispetto al resto del Paese. In Italia il dato corrispondente è pari al 36%. E' questo uno dei risultati emersi nell'Atlante socioeconomico della Sicilia realizzato dall'Ufficio regionale dell'Istat in collaborazione con il Servizio Statistica della Regione che è stato presentato nei giorni scorsi all'assessorato al Bilancio durante il convegno "Una lente per leggere i cambiamenti a scala territoriale".
L'indice di imprenditorialità spiega che ogni mille abitanti nella regione sono presenti in media 53,1 unità locali d'imprese: a Ragusa spetta il primato della classifica con un valore pari a 59,7%, seguita da Trapani con il 58,1%. La graduatoria si chiude con Siracusa (47,5%), Enna (48,6%) e Palermo (48,9%).
La vocazione al terziario dell'economia isolana è confermata anche dai dati sugli addetti alle unità locali dei servizi che, in media, sono pari a circa il 70% del totale, con valori che vanno dal 75,7% di Palermo al 61,7% di Siracusa. Nell'area nord-occidentale si è confermato il "sistema del vino" e sempre crescente è il numero di aziende agricole che producono vini di qualità.
Nell'area sud-orientale, allo sviluppo turistico legato agli itinerari culturali e naturalistici si combina la crescita di un'agricoltura specializzata, una nuova riorganizzazione del settore chimico, il trend positivo dei settori manifatturieri. 

La "seconda casa" dei siciliani - Sempre dall'Atlante socioeconomico della Sicilia emerge che circa il 30% dei siciliani ha una seconda casa. Valori superiori alla media regionale per Agrigento (39,1%), Ragusa (38%), Trapani (34,9%) ed Enna (31,3%); la graduatoria si chiude con Catania che presenta una quota pari al 23,6%.
Nell'ultimo decennio le maggiori perdite relative in termini di popolazione sono state in prevalenza a carico delle aree più interne della regione: flessioni più marcate si registrano infatti per Enna con un valore pari a -15%, seguita da Caltanissetta (-7,2%), Agrigento (-5,8%) e Messina (-3,9%); Catania con +7,6% e Palermo con +4,7% registrano le performance migliori in considerazione anche della crescente presenza della componente straniera (il corrispondente dato medio per l'intera Isola è pari all'1,6%).
Il tasso medio di natalità dell'isola è pari al 10,1 per mille abitanti e risulta convergente sul livello medio nazionale (9,6 per mille): valori superiori alla media regionale si registrano per le province di Caltanissetta, Palermo e Catania mentre a Messina nascono poco più di 8 bambini ogni mille abitanti. 

Il lavoro nero come fonte di "sopravvivenza" - "E' paradossale ma il lavoro in 'nero' permette di sopravvivere a 5 famiglie su 10 nella provincia di Catania". A rilevarlo è stato il segretario provinciale della Uil, Angelo Mattone, citando proprio le stime nazionali Istat riguardanti la Regione, dalle quali uscirebbe invece un quadro complessivo da "popolazione malnutrita o anoressica".
Le cifre sono state rese ufficialmente note giovedì scorso durante il convegno "Fannulloni, merito e bisogni sociali: le proposte della Uil" presieduto dal segretario regionale del sindacato, Claudio Barone. Durante i lavori Mattone ha parlato del "paradosso di una realtà, quella catanese, nella quale il lavoro nero incrementa i redditi di almeno 5 famiglie su 10 consentendo loro di sopravvivere". "Una provincia con un tenore di vita che la colloca al 95° posto e che registra una spesa media mensile pro capite di 687 euro, ultima tra tutte le province italiane - ha osservato il segretario della Uil - esce fuori da qualsiasi schema statistico". "Questo è effetto degli oltre 100 mila lavoratori in 'nero' che operano nel mercato del lavoro etneo. A questo dato si aggiunga che l'importo medio mensile delle pensioni è di 573 euro". "Pertanto - ha concluso Mattone - se ci si dovesse attenere alle statistiche generali con un spesa mensile di 687 e una media pensionistica di 573 euro, dovremmo trovarci di fronte a una popolazione malnutrita, anoressica. Paradossalmente, invece, ci soccorre il dato del lavoro nero"

[Informazioni tratte da La Siciliaweb.it]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

20 dicembre 2008

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia