Boom di intimidazioni a Partinico (PA)

Politici, manager e giornalisti nel mirino della mafia

08 novembre 2010

Una serie inquietante di intimidazioni. Quello che accade a Partinico da qualche tempo, secondo qualcuno, andrebbe interpretato come il segnale di una mafia che annaspa e cerca di trovare nella violenza nuove forme di legittimazione. Si tratterebbe di una sorta di canto del cigno: per i sostenitori di questa teoria Cosa nostra reagirebbe ai duri colpi inferti negli ultimi anni dagli inquirenti, sarebbe allo sbando e cercherebbe di rispondere con la forza all'opera di smantellamento degli investigatori.

Trentamila abitanti, piccolo centro ad una trentina di chilometri da Palermo, Partinico è tornata a far parlare di sè negli ultimi mesi per la lunga sequenza di attentati che hanno avuto come comune denominatore il fuoco e come vittima esponenti delle istituzioni, imprenditori, giornalisti. Tra questi il vicepresidente del Consiglio provinciale di Palermo, Enzo Briganò. La casa di campagna dell'esponente dell'Mpa è stata distrutta da un incendio. Appena qualche settimana dopo un altro inquietante episodio: i primi di ottobre è stato incendiato il portone della sua abitazione e sfondato con una mazza un vetro del suo studio di cardiologo.

"Evidentemente - è stato il commento di Briganò - la nostra attività politica sta dando fastidio a qualcuno". Toccherà alle forze dell'ordine fare luce su questo caso ma anche su numerosi altri, come quelli ai danni del direttore di Telejato, Pino Maniaci, noto per i suoi attacchi in video alla criminalità organizzata. O sull'incendio che ha messo fuori uso i mezzi di alcuni imprenditori edili.
E si discute proprio di questo nel corso della riunione del Comitato per l'ordine e la sicurezza che è stato convocato per oggi dal prefetto di Palermo. "L'emergenza criminalità esplosa a Partinico è il segnale di una recrudescenza mafiosa che vede Matteo Messina Denaro impegnato a controllare il territorio a cavallo delle province di Palermo e Trapani - ha detto il deputato regionale del Pdl, Salvino Caputo, componente della Commissione Antimafia dell'Ars -. L'obiettivo è quello di condizionare lo sviluppo economico della zona". [Informazioni tratte da Italpress, Ansa]

- Intervista a Pino Maniaci, direttore di Telejato di R. Cauchi (SiciliaInformazioni.com)

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

08 novembre 2010

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia