Boom di iscrizioni alla facoltà di ''Lingue, culture e istituzioni dei Paesi del Mediterraneo''

Successo all'Università ''L'Orientale'' di Napoli per il corso di culture mediterranee

17 settembre 2005

867 iscritti, dei quali 800 negli ultimi 3 anni del nuovo ordinamento, 13 lingue insegnate: sono questi alcuni dei numeri del Corso di Laurea triennale in ''Lingue, culture e istituzioni dei Paesi del Mediterraneo'' dell'Università ''L'Orientale'' di Napoli, che rinviano a un dato certo: la forte domanda di formazione, da parte dei giovani, sulle culture del Mediterraneo ed il particolare su quella islamica.
Questo boom è solo la punta di diamante di un ateneo da sempre attento verso le culture dei paesi arabi dove dal 2001 ad oggi vi è stato un incremento del duecento cinquanta per cento di iscritti alla ex Scuola di studi arabo islamici e del mediterraneo, oggi divenuta la quarta facoltà dell'Università di Napoli.

Il Corso di Laurea punta sullo studio delle lingue in funzione della comunicazione interculturale in riferimento a un'area, quella del Mediterraneo, che presenta una rinnovata centralità sul piano internazionale e nuove e proficue opportunità culturali ed economiche per Napoli e il Mezzogiorno. E sono proprio lingue come l'albanese, l'arabo, il berbero, il catalano, l'ebraico, il francese, l'inglese, il neogreco, il portoghese, il serbocroato, lo sloveno, lo spagnolo e il turco la vera ricchezza del corso.
Tra le ragioni del successo del Corso di laurea le interessanti opportunità lavorative. Infatti i laureati in ''Lingue culture e istituzioni dei Paesi del Mediterraneo'', formatisi in un'ottica spiccatamente interculturale, potranno svolgere attività professionali nei settori dei servizi, del giornalismo specializzato, dell'editoria, e nelle istituzioni, in imprese e attività commerciali, nel turismo e nell'intermediazione tra le culture dell'Europa, del Nord Africa e dell'Asia minore, nonché nella formazione degli operatori allo sviluppo in contesti multietnici e multiculturali.

''Non è un caso che questo boom si sia registrato a 'L'Orientale' - dichiara il presidente del Corso di Laurea Francesco Lazzari - unica Università in Italia, insieme a quella di Venezia, ad aver corsi specifici su queste tematiche e dove poter studiare contemporaneamente lingue come l'arabo e materie come quelle delle aree delle scienze politiche, delle relazioni internazionali e così via''.
''L'incremento registrato nelle immatricolazioni - sottolinea Lazzari - è il chiaro segnale di come eventi come l'undici settembre rappresentino uno stimolo ad interrogarsi su problemi che erano rimasti in qualche modo nascosti e che la tragedia porta clamorosamente alla ribalta. Il Corso mira anche a 'pensare politiche di integrazione e cooperazione tra i paesi del Mediterraneo, per creare un nuovo clima, di pacifico interscambio culturale ed economico, tra i Paesi del bacino del Mediterraneo''.

Fonte: Aise

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

17 settembre 2005

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia