Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

C'è crisi anche per i tossici ...

Con le crescenti difficoltà economiche è tornata l'eroina: buco 'low cost' rispetto a cocaina

27 ottobre 2011

Il discorso è beffardo, ci rendiamo conto, ma la crisi economica 'morde' non solo le famiglie e le imprese, ma anche i tossicodipendenti. I consumatori abituali di droga, complice le crescenti difficoltà economiche per procurarsi le sostanze, stanno sempre più passando dall'uso di cocaina o ecstasy a quello di eroina. E il motivo è semplice: per 'sballarsi' è necessaria una dose minore e molto meno costosa di droga.
Ad evidenziarlo è un'analisi dei dati dai centri di riabilitazione in Francia. Ma anche in Italia da qualche anno le organizzazioni criminali tentano di arginare la 'concorrenza' di internet o di altre nuove fonti di approvvigionamento facile ed economico di droga 'rilanciando' l'eroina, che per sua natura 'fidelizza' i compratori.
"Tra il 2007 e il 2008, mentre i tassi di crescita salariale diminuivano in modo significativo - fa sapere sull'International Journal of Drug Policy Ben Lakhdar, dell'Università Cattolica di Lille - la percentuale di consumatori di droga iniettabile è aumentata del 1,7%". Secondo gli esperti francesi, dunque, le difficoltà economiche possono incoraggiare i consumatori di droga a virare verso metodi più economici, ma anche rischiosi di assunzione delle sostanze, che li espongono al pericolo di malattie infettive. Un elemento di cui i Governi devono tenere conto, avvertono gli studiosi, ma che potrebbe essere 'reversibile': "In teoria, quando il reddito aumenterà di nuovo - spiega Lakhdar - un tossicodipendente potrà decidere di tornare a sniffare o ad assumere droghe per via orale".

E in Italia? "Sono almeno 6-7 anni che abbiamo iniziato a parlare di un ritorno dell'eroina - assicura all'Adnkronos Salute Riccardo Gatti, direttore del dipartimento Dipendenze della Asl di Milano - anche se i numeri ancora non sono alti. Ma c'è un inevitabile periodo di 'latenza' da quando una persona inizia a usare eroina, a quando arriva nei nostri centri per farsi aiutare".
Gatti spiega che "da qualche tempo, e forse la crisi economica ha un ruolo in questo, viene segnalato in molti Paesi del mondo un aumento dell'uso di eroina: in Grecia risulta cresciuto del 20%, negli Stati Uniti si vira sempre più dall'abuso di farmaci antidolorifici, sui quali le autorità si sono allertate e attuano stretti controlli", verso il 'buco'.
Anche in Paesi 'emergenti' come Singapore, in Irlanda e in molte altre zone la droga pesante per eccellenza fa minacciosamente capolino. Insomma, "con la concorrenza dei nuovi canali di vendita, internet in testa, e l'uso di droga ormai indifferenziato con i giovani che assumono una sostanza come un'altra senza troppe differenze - evidenzia l'esperto - i commercianti devono cercare di mantenere la loro quota di mercato. E purtroppo quando il mercato vuole che la gente acquisti droga, è perfettamente in grado di raggiungere i suoi obiettivi, anche decidendo quali sostanze debbano essere usate. Adesso il mercato ha convenienza a proporre eroina", perché 'fidelizza' maggiormente i clienti ed elimina il rischio che vadano ad acquistarla online. Oggi sul mercato italiano è presente eroina sia 'brown' che bianca, più pura e a rischio overdose. Ma gli spacciatori possono anche fare in modo di "ridurre i prezzi, diminuendo la presenza di principio attivo. In ogni caso, bisogna dire che oggi, a parità di quantità, i prezzi delle droghe sono più o meno simili. Eppure, sebbene molti giovani si accostino all'eroina per usarla sporadicamente, fumandola e non iniettandola endovena, se arrivano alla siringa si possono rendere conto di poter risparmiare dei soldi".

E c'è chi si sballa con i sali da bagno ... - I sali da bagno sono l'ultima frontiera dello sballo. L'utilizzo come droga continua a crescere e negli Stati Uniti parallelamente sale l'allarme. Gli effetti collaterali, infatti, possono essere tutt'altro che leggeri. Un'equipe dell'università dell'Oklahoma, durante il 77.esimo congresso annuale dell'American College of Chest Physicians (Accp) a Honolulu, ha illustrato il caso di un uomo che ha sperimentato ansia, paranoia e allucinazioni. Manifestando anche un comportamento violento dopo il suo arrivo in pronto soccorso. "Il suo caso - avvertono i ricercatori - non è unico". Nonostante sulle confezioni sia ben specificato che si tratta di prodotti "non per consumo alimentare", secondo i Centri dell'associazione americana per il controllo degli avvelenamenti, le chiamate per intossicazioni da sali da bagno sono letteralmente schizzate alle stelle. Si è passati da 302 segnalazioni in tutto il 2010 a ben 1.782 da gennaio 2011. Le polveri, poco costose e dai nomi innocui, spesso esotici ed evocativi, contengono stimolanti non individuabili con le normali tecniche anti-droga. Lo sballo prodotto da queste sostanze si accompagna ad aumento della pressione e dei battiti cardiaci, allucinazioni, agitazione, paranoia e frustrazione. Negli Usa 26 Stati hanno messo al bando questi sali, ma manca ancora una regolamentazione a livello federale.

[Informazioni tratte da Adnkronos Salute]

 

 

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

27 ottobre 2011
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia