Cala l'inflazione a luglio. E a Palermo sono meno costosi abbigliamento e calzature

Tra le città più stabili Palermo, Milano, Genova e Bologna

24 luglio 2001


E' merito del calo delle tariffe telefoniche e dei prezzi della benzina se l'inflazione in luglio è scesa al di sotto della soglia del 3%.

Nelle 12 città campione i dati forniti dall'ISTAT confermano un decremento tendenziale al 2,8% (bisogna andare al giugno del '99 per trovare una dato simile); la verifica giungerà con le stime preliminari di venerdì, mentre gli indici completi saranno pubblicati il 17 agosto.

Tra le città più stabili Palermo, Milano, Genova e Bologna, che hanno fatto rilevare una dinamica mensile "fredda", cioè incrementi pari a zero.
A Palermo in particolare sono meno costosi abbigliamento e calzature ( 0,2 %).

Ma Firenze, Torino, Venezia, e Trieste hanno mostrato addirittura una variazione congiunturale negativa (-0,1%).
In aumento invece i dati di Napoli e Ancona (entrambe con incrementi dello 0,2%), Bari e Perugia (+0,1%).

Nel mese sono anche scesi i prezzi dei trasporti (-0,8% a Trieste e Udine), a causa della diminuzione dei costi energetici e la proroga dello sconto fiscale governativo di 50 lire al litro. L'andamento di prodotti alimentari e bevande analcoliche è invece in controtendenza.

Continuano a scendere infine i prezzi petroliferi.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

24 luglio 2001

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia