Camilleri e Consolo non rappresenteranno l'Italia al Salone del Libro di Parigi

20 febbraio 2002
Umberto Eco, Antonio Tabucchi, Vincenzo Consolo e Andrea Camilleri non faranno parte della delegazione italiana al Salone del Libro di Parigi, che si terrà a marzo prossimo, "perchè il governo Berlusconi non ha nulla a che vedere con la cultura". 

In occasione della presentazione del Salone nella capitale francese Consolo, che ha detto di parlare anche a nome di Camilleri e Tabucchi, ha respinto l'invito degli organizzatori a far parte della delegazione, anche se tutti e tre parteciperanno alla manifestazione a titolo personale.

"Non vogliamo rappresentare il governo italiano - ha detto Consolo - perchè non può esserci cultura in un Paese senza democrazia nè democrazia senza cultura".

Consolo ha aggiunto di esser d'accordo con il ministro francese della cultura, Catherine Tasca, che aveva detto di non gradire la presenza di Silvio Berlusconi alla manifestazione.
"Sono con lei - ha detto l'autore - non si può stringere la mano a Berlusconi". 
 
Fonte: GdS

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

20 febbraio 2002

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia