Caravaggio & Caravaggio. A Siracusa due opere mature a confronto del maudit lombardo

Fino al 24 agosto la mostra dal titolo ''Caravaggio: due capolavori a confronto''

24 luglio 2003
''Caravaggio: due capolavori a confronto'' è il titolo della mostra in corso a Siracusa nella Galleria regionale di Palazzo Bellomo sino al 24 agosto. Dopo quasi vent’anni dalla mostra "Caravaggio in Sicilia: il suo tempo, il suo influsso", allestita per il rientro a Siracusa de ''Il Seppellimento di Santa Lucia'', l'Assessorato regionale dei Beni Culturali offre un altra occasione di incontro con il pittore lombardo.

Nel Palazzo Bellomo di Siracusa (si può visitare, tranne il lunedì, tutti i giorni dalle 9 alle 19; e le domeniche e i festivi dalle 9 alle 14), vengono messi a confronto due capolavori eseguiti dal Caravaggio nel suo breve ma intenso soggiorno siciliano, il ''Seppellimento di Santa Lucia'', appunto, da tempo 'in deposito' al Bellomo e l'''Adorazione dei pastori'', eseguito per i Cappuccini di Messina ed ora al Museo.

Si tratta di due episodi altissimi del percorso artistico caravaggesco, ispirati a una solennità tragica e dolente. Se nel ''Seppellimento'' sono rappresentati la sacralità, la violenza e lo strazio della morte ed insieme la rassegnazione e l’umana pietà, nell’Adorazione dei pastori, Caravaggio ritentò, più umanamente, il nuovo rapporto diramante tra spazio e figure. Due dipinti che continuano a promanare una sorta di energia misteriosa e a suscitare grandi emozioni.

''Emozioni - afferma il direttore del Museo regionale di Messina, Gioacchino Barbera - che si rinnoveranno nella grande mostra in preparazione "Caravaggio: gli ultimi anni (1606-1610)", a cura di Nicola Spinosa, Dawson Carr e Keith Christiansen, che si terrà prima a Capodimonte (ottobre 2004-gennaio 2005) e successivamente alla National Gallery e al Metropolitan Museum of Art, nella quale saranno presenti anche le opere 'siciliane' del maestro''.

''Alcuni sostengono che il topos del pittore maledetto - spiega Vera Greco, direttore della Galleria Regionale di Palazzo Bellomo - del genio guidato dalla lucida follia sia il principale responsabile del successo di Caravaggio; altri che comunque sia il soggetto principale dei suoi quadri, soprattutto di quelli dell’età matura e degli ultimi, incontestabilmente rappresentato dalla violenza nelle sue forme più crude e pure, ad esercitare una forma quasi perversa di attrazione che viaggia su onde difficilmente controllabili.
Potremmo azzardare che in un epoca che ha bisogno sempre più di emozioni forti, in cui i film sperimentano forme sempre più aberrate di violenza per colpire uno spettatore talmente abituato ad essa dallo spettacolo quotidiano dei media, che riesce a farla percepire comunque come una cosa fittizia, un’arte che abbia questo come soggetto principale indubbiamente cammina sulla scia del successo''.

Fonte: Ansa beni Culturali

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

24 luglio 2003

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia