Caso Sakineh: Teheran annuncia tempi lunghi per la condanna definitiva

La magistratura di Teheran si sta concentrando sull'accusa di coinvolgimento nell'omicidio del marito, piuttosto che su quella di adulterio

12 novembre 2010

Sul caso dell'iraniana Sakineh Mohammadi Ashtiani la magistratura di Teheran si sta concentrando sull'accusa di coinvolgimento nell'omicidio del marito, piuttosto che su quella di adulterio, per cui la donna rischia la lapidazione. La giustizia, ha annunciato la Procura, avrà quindi bisogno di più tempo per riesaminare il caso.
"Due accuse e condanne pesano su Sakineh Mohammadi Ashtiani. Senza dubbio l'accusa di omicidio ha la priorità rispetto all'altra e la giustizia l'ha messa in cima all'ordine del giorno" ha affermato il procuratore generale Gholamhossein Mohseni Ejeie, citato dall'agenzia di stampa 'Irna'. "L'annuncio di una pena definitiva richiede più tempo e indagini", ha aggiunto.
Per il suo presunto coinvolgimento nell'omicidio del marito, Sakineh è stata condannata all'impiccagione. Pena poi commutata, in appello, a dieci anni di reclusione. A luglio, invece, è stata sospesa l'esecuzione della condanna alla lapidazione della donna per adulterio. [Adnkronos/Aki]

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

12 novembre 2010

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia