Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Cassa integrazione Fiat

Stop a novembre e dicembre. Annunciato un nuovo fermo dei lavoratori di Mirafiori, Termini Imerese e Cassino

21 ottobre 2004

Continua incessante lo stillicidio della cassa integrazione per i tre stabilimenti Fiat più colpiti dalla crisi. I 6.440 lavoratori di Mirafiori (Torino), Termini Imerese (Palermo) e Cassino (Frosinone) si fermeranno per due settimane, tra il 22 novembre e il 5 dicembre.
La  Fiat Auto ha comunicato stamane ai sindacati le nuove settimane di cassa integrazione.
Sarà stop totale a Cassino (3.500 addetti) e sarà di una settimana in più nella fabbrica siciliana (1.400 addetti), dove i lavoratori sono attualmente in cassa integrazione fino al 2 novembre.
A Mirafiori il provvedimento interesserà, dal 15 al 21 novembre, tutti i 1.159 lavoratori delle carrozzerie che operano sulle linee dell'Alfa 166, della Thesis e della Lybra, mentre alle Presse andranno in cassa 180 addetti che stampano componenti per Mirafiori, Cassino e Termini Imerese (dal 22 novembre al 5 dicembre).

I sindacati Fiom, Fim, Uilm e Fismic, saranno a Torino per lo sciopero nazionale del 5 novembre, indetto in tutti gli stabilimenti italiani di Fiat Auto, della Powertrain e delle aziende dell'indotto.

''La Fiat attraversa un momento particolare - afferma Antonino Regazzi, segretario generale del sindacato Uilm - e Mirafiori è nell'occhio del ciclone: il nuovo ricorso alla cassa integrazione conferma le difficoltà. Il piano del nuovo gruppo dirigente non è  trasparente. Noi non vogliamo la Fiat più piccola che ci ha descritto Demel: riteniamo giusto l'obiettivo del risanamento, ma vogliamo maggiore chiarezza''.

''Noi - ha detto il segretario generale della Cisl, Savino Pezzotta - continuiamo a volere che la Fiat giochi un ruolo importante non solo a Torino, ma nel Paese. Occorre nello stesso tempo rilanciarla, mantenerne una dimensione internazionale chiara e difendere i siti, ovunque siano, mantenendo a Torino un ruolo di orientamento, direzione e progettazione''. Secondo Pezzotta, ''la mobilitazione per Mirafiori è indispensabile rispetto al quadro che si sta delineando, rispetto al quale il sindacato chiede maggiore chiarezza''.

La Cisl di Termini Imerese, inoltre ha chiesto che sia anticipata a gennaio la produzione della Lancia Ypsilon prevista a partire da giugno nello stabilimento siciliano.

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

21 ottobre 2004
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Tu piaci a Guidasicilia.
Guidasicilia piace a te?
= Hai già dato il MI PIACE
= Puoi dare ora il MI PIACE