Crea gratis la tua vetrina su Guidasicilia

Acquisti in città

Offerte, affari del giorno, imprese e professionisti, tutti della tua città

vai a Shopping
vai a Magazine

Centinaia le adesioni per la fiaccolata per la legalità che si terrà domani a Campobello di Mazara

18 novembre 2005

Sono già centinaia le adesioni alla fiaccolata prevista per domani, sabato19 novembre alle 17, quando un corteo di cittadini, autorità politiche, istituzionali e religiose con in mano delle fiaccole partirà dalla villa comunale per sfilare lungo le vie del paese.
L'iniziativa, voluta dall'amministrazione comunale, dalle scuole cittadine e dalla locale Chiesa, vuole essere la risposta della città agli ignobili atti intimidatori che in questi mesi hanno riguardato amministratori comunali, esponenti dei partiti, imprenditori e liberi professionisti.
Al comune sono già pervenute le adesioni di molti sindaci dei comuni della provincia di Trapani, deputati regionali e parlamentari nazionali, assessori e consiglieri comunali, esponenti di associazioni culturali e movimenti civici, rappresentanti della chiesa e soprattutto di molti studenti delle scuole cittadine che saranno presenti con degli striscioni da loro appositamente realizzati.

Poco prima della partenza della fiaccolata prevista nella villa comunale di via Garibaldi, operai del comune distribuiranno delle fiaccole. Il corteo percorrerà poi in silenzio alcune strade del paese per raggiungere la chiesa di San Giovanni dove l'arciprete Pietro Pisciotta officerà la Santa Messa. Poco prima della funzione religiosa il sindaco Daniele Mangiaracina rivolgerà un messaggio alla città contenente un appello a collaborare con le autorità giudiziarie, fornendo, con ogni mezzo, indizi o anche semplici sospetti che possano rivelarsi utili alle Forze dell'Ordine per risalire agli autori delle intimidazioni. 

Il sindaco Daniele Mangiaracina spiega che ''questa grande mobilitazione collettiva serve a dimostrare che c'è una comunità sana, onesta, orgogliosa delle proprie tradizioni di convivenza pacifica, che non può sopportare l'onta di questi vili episodi, che non intende dare all'esterno l'immagine di una città ostaggio della paura e che non merita questa indegna nomèa. Una testimonianza di senso civico rispetto a quello che sta succedendo. Per questo occorre manifestare pubblicamente la nostra opposizione a questi gesti di violenza che, oltre a suscitare paura e apprensione, arrecano un grave danno di immagine alla città e al suo tessuto culturale e produttivo in un momento in cui, peraltro, si stanno concretizzando numerosi progetti di sviluppo economico da parte di soggetti che hanno creduto in questo territorio. Rispetto a questa emergenza è dunque indispensabile che i cittadini manifestino la propria indignazione. Occorre alzare la testa per impedire che pochi criminali pregiudichino i processi di cambiamento e di sviluppo di Campobello''.
 Intanto il Prefetto di Trapani ha convocato per mercoledì 23 novembre nella sede del Palazzo Municipale il ''Comitato per l'Ordine Pubblico e la Sicurezza'' con all'ordine del giorno gli attentati intimidatori verificatisi negli ultimi anni.

Comune di Campobello di Mazara

Condividi, commenta, parla ai tuoi amici.

18 novembre 2005
Caricamento commenti in corso...

Ti potrebbero interessare anche

Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia
Registra la tua azienda su Guidasicilia